ACQUAPENDENTE – Con sette voti favorevoli e l’astensione dei consiglieri di minoranza Francesco Luzzi, Fabrizio Camilli e Solange Manfredi, il Consiglio Comunale di Acquapendente approva le seguenti quattordici variazioni di bilancio (ex articolo 175 Decreto Legislativo 267/2000): 1) Iscrizione sia in entrata che in uscita delle somme per numero sei minori stranieri non accompagnati la cui quota di assistenza per il periodo 01 Novembre 2016 – 31 Dicembre 2016 pari a € 16.318 dovrà essere anticipata dall’Ente e successivamente rimborsata dal Ministero dell’Interno; 2) Comunicazione di variazioni alle spettanze da parte del Ministero dell’Interno e si è provveduto ad aumentare i relativi stanziamenti di € 6.051; 3) Sulla base degli avvisi di accertamento ICI notificati si è adeguato il relativo capitolo con un aumento di € 9.000 prudenzialmente compensato dall’aumento del Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità; 4) Iscrizioni di ulteriori quote di rimborsi da parte dei Comuni per l’ammortamento del debito fuori bilancio a suo tempo riconosciuto dal Comune e relativo all’esproprio di terreni da parte del competente Consorzio in Località Campomorino (PIP) per € 8.874; 5) Sulla base dell’andamento delle riscossioni lo stanziamento relativo ai proventi delle violazioni al Codice della Strada è stato ridotto di € 13.000 con conseguente parziale riduzione del capitolo di spesa vincolata iscritto tra gli investimenti; 6) A seguito di iscrizione della locazione dell’immobile ove è ubicato l’impianto per la lavorazione della patata è stato aumentato il relativo capitolo di € 16.579; 7) Gli stanziamenti, sia in entrata che in uscita di parte del capitale, relativi gli impianti fotovoltaici sono stati adeguati alle evoluzione della quantità di energia prodotta ed alle risultanze del credito IVA commerciale con sostanziale equilibrio complessivo rispetto alle previsioni; 8) Sono stati adeguati i capitoli di spesa relativi al personale (retribuzioni, oneri riflessi, IRAP) alle effettive necessità e si evidenzia un risparmio nel servizio tecnico, nel servizio anagrafe e stato civile (personale cessato al 01 Ottobre 2016) e ricoperto con un comando per dodici ore settimanali) e nel servizio di Polizia locale (per la mancata assunzione di una unità stagionale per mesi 2); 9) Sono stati adeguati gli stanziamenti dell’indennità di carica alla Deliberazione della Giunta Comunale N° 94 del 13 Luglio 2016 per € 8.000; 10) Sono stati ridotti gli stanziamenti per somme da destinare alle famiglie sgomberate per calamità naturali in quanto previste per l’intero anno e non più necessarie ad Agosto; 11) E’ stato aumentato, sulla base delle richieste di rimborso che si prevede di ricevere, il capitolo relativo alla scuola comunale di musica; 12) Sono stati assestati tutti i capitoli di spesa relativi alle utenze di energia elettrica, telefonia e gas sulla base dell’andamento dei consumi nell’anno; 13) Su richiesta di vari Uffici si è provveduto allo storno di fondi di capitoli che risultavano eccedenti ad altri che necessitavano di maggiori disponibilità; 14) Le somme, che nel complesso della variazione sono risultate eccedenti, sono confluite nel Fondo di Riserva per € 21519,00. “Solo un giorno prima della seduta”, sottolineano i consiglieri di minoranza Camilli e Luzzi, “ci è stata trasmessa la variazione. Non avendo potuto prendere visione completa della stessa, ci asteniamo. Riteniamo comunque far presente che il canone di concessione di un fabbricato comunale per attività del consorzio di lavorazione della patata risulta modesto”. La ragioneria”, sottolinea il Sindaco, “è stata impegnata a fotocopiare dieci anni di atti per la nota vicenda giudiziaria che vede coinvolto anche l’Ufficio Tecnico e che tale attività ha avuto ed ha effetti di grande impatto per l’Ente. Non è certo dipeso da cattiva volontà ma da fattori anche esterni. Per quanto riguarda il fabbricato di lavorazione patata, intendo fare presente che è importante sostenere tale forma di attività innovativa della filiera agroalimentare e comunque l’affitto è ridotto per spese sull’immobile, che rimarrà al Comune a conclusione della concessione, a scomputo parziale dell’affitto stesso. Peraltro la costruzione è stata realizzata dalla Riserva Naturale Monte Rufeno con fondi regionali”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email