Domenica 23 ottobre “Evǝ”, uno spettacolo internazionale sulla fluidità di genere

Sarà Eva Robin’s in “Evǝ“, spettacolo di respiro internazionale prodotto dalla compagnia bolognese Teatri di Vita, ad aprire la stagione 2022-2023 del Teatro Boni di Acquapendente diretta da Sandro Nardi. Un avvio di assoluto prestigio per un cartellone che propone al pubblico oltre 20 spettacoli fino a marzo, con protagonisti attori e compagnie di primo piano del panorama teatrale italiano e oltre e progetti di assoluto interesse.

Domenica 23 ottobre alle ore 17.30 in scena il testo di Jo Clifford, riflessǝ in Andrea Adriatico e con traduzione di Stefano Casi, che vedrà sul palco Eva Robin’s, icona transgender dello spettacolo italiano. Con lei Patrizia Bernardi, attrice e cofondatrice di Teatri di Vita insieme ad Adriatico, Rose Freeman, regista e performer di Philadelphia, Anas Arqawi, attore palestinese, Met Decay, danzatore e performer, Saverio Peschechera, organizzatore, direttore di produzione e attore. La data di Acquapendente è la prima tappa di un tour che toccherà nei prossimi mesi Firenze, Bologna, Rovigo, Napoli, Pescara, Torino, per concludersi al The Tank di New York a metà dicembre, il che conferma ancor di più il livello raggiunto dal teatro dell’Alta Tuscia, punto di riferimento culturale per il territorio e non solo.

Una storia che conoscono tutti, forse. Quella di quando Dio creò Adamo ed Eva, prima il maschio e poi, come un ripiego, la femmina. Due generi ben distinti, con destini ben segnati. Perché in questa storia non è stato previsto chi sta nel mezzo, o ha un po’ dell’uno e un po’ dell’altra. Andrea Adriatico torna a confrontarsi con i temi LGBTQ+ e con la fluidità di generi umani e teatrali, di storie e identità, con il racconto “oltraggioso” del bambino William. Un bambino che non amava essere chiamato William e voleva giocare con le bambine, e che poi è cresciuto, anzi è cresciuta, e ora ha deciso di raccontare agli spettatori, alle spettatrici e a tutti coloro che stanno nel mezzo, o hanno un po’ degli uni e un po’ delle altre, la sua storia, anzi la sua Genesi. Una storia che conoscono tutti, anzi una storia che non tuttǝ conoscono. A rappresentare l’opera della drammaturga e performer britannica Jo Clifford una compagnia di tantǝ “Evǝ” che moltiplicano l’originario monologo in un coro di identità e fluidità.

La stagione 2022-2023 del Teatro Boni, dal titolo “Angeli, demoni, diavoli, santi e carogne“, ha il sostegno di Comune di Acquapendente e Regione Lazio.
Il Teatro Boni è ad Acquapendente (VT) in Piazza della Costituente 9. I biglietti sono anche acquistabili online su Vivaticket. Per informazioni: www.teatroboni.it – 0763.733174 – 334.1615504.

Articolo precedenteBagno di folla per l’inaugurazione dello stabilimento di Cimina Dolciaria
Articolo successivoFerrovie Ex Concesse, Cotral: “Siglata intesa sindacale sui turni di lavoro dei macchinisti”