ACQUAPENDENTE – Nel primo weekend in cui la primavera sembra prendere il sopravvento sul lungo inverno, il progetto “ Francigena Musica ”, inaugura la sua stagione con “In Viaggio con Mozart”.

“Il Francigena Musica” è un contenitore di idee che nasce dal desiderio di promuovere eventi culturali e musicali nella splendide cornice rappresentata dal monumenti storici nel territorio del Comune di Acquapendente. Che fonda le sue origini sulla Via Francigena.”

Condiviso dalla Parrocchia del Santo Sepolcro nella persona di Don Enrico per la forte impronta spirituale che il paese racchiude dall’Amministrazione comunale, dalla Associazione Culturale “ARISA” che promuove eventi per la promozione della Via Francigena e dalla Pro Loco di Acquapendente.

Il primo appuntamento prende spunto del passaggio di W.A. Mozart, come si deduce, infatti dalle lettere di Leopold Mozart alla moglie. In queste è documentato il loro viaggio verso Roma e la certa permanenza presso la “posta” di Acquapendente lungo la Francigena. Durante la permanenza nella città eterna, Mozart, dopo aver assistito ai riti della settimana Santa nella Cappella Sistina, fece poi omaggio alla Famiglia Attems. Casata legata al Principe Alessandrojacopo Boncompagni Ludovisi, di un concerto privato, unico, a differenza di quelli di rappresentanza tenuti in altre occasione del viaggio.

La storia si ripete la sera del 7 Aprile nella chiesa di san Francesco, il ForThePiano Consort costituito da Stefano Barneschi, primo violino nell’esamble “Giardino Armonico” Giacomo Coletti violino concertatore nell’Ensemble “Alla Maniera Italiana”, Stefano Marcocchi co-principale viola di Tafalmusik Orchestra in Canada e Marco Testori stata prima viola nell’esamble “Giardino Armonico” ora docente presso l’Universitat Mozarteum Salzburg hanno accompagnato Costantino Mastroprimiano uno dei massimi interpreti dello strumento fortepiano, per l’occasione fornito da Urbano Petroselli costruttore di Castaglion del lago (Pg).

Il concerto si apre con il minuetto Kv 1 prima creazione mozartiana che permette di conoscerne il linguaggio strumentale intenso, lineare ma, soprattutto, elegante melodicamente. Segue ll concerto Kv 415 arrangiato per quartetto e fortepiano, pieno di ricchezza tematica mai splendidamente ripetitiva. Il mezzo soprano Luisella Capoccia, ci ha proposto l’arietta “Voi che sapete che cosa è amor” dalle nozze di Figaro K492, stupende sfaccettature lirico-drammatiche.

Ora il “Coro a progetto Francigena” formazione costituita per l’occasione che vede come direttore Romano Gordini, preparato vocalmente da Luisella Capoccia, con la valida collaborazione di Francesca Araceli, ci propone un estratto del “Miserere” di Gregorio Allegri (trascrizione attribuita a W.A. Mozart dopo averlo ascoltato nella sua permanenza a Roma), un’ esecuzione con variazioni tanto di cadenze quanto di effetti espressivi.

Per coro e solo il “Laudate Dominum” dai Vespri solenni del confessore K 339. Chiudono il concerto le ultime due opere che il maestro ci ha lasciato, Ave verum corpus” K 618, e tratto dal Requiem K 626: “Lacrimosa” opera incompiuta a causa del decesso del Sommo Maestro.

Al concerto che ha visto un gran numero di partecipanti è seguita l’inaugurazione nella Pinacoteca di San Francesco, della mostra Mirabilia ed altri Paesaggi di Lidia Bachis Curata da Andrea Alessi. Una cena nel chiostro della chiesa, dove i produttori locali e artigiani hanno dato modo di degustare i prodotti del nostro territorio ha chiuso la splendida giornata.

L’indomani, 8 Aprile, come di consuetudine ai tempi di Mozart nelle sale del castello Boncompagni Ludovisi in Trevinano, Il quartetto ForThePiano e Costantino Mastroprimiano hanno allietato i vari ospiti giunti da tutta Italia, in un concerto in forma privata , è seguito un momento convivile a cura del Ristorante La Parolina coaudiuvata dagli insegnanti e alunni dell’istituto alberghiero “Pellegrino Artusi” di Chianciano terme e vini della Tenuta di Fiorano del principe AlessandroJacopo Ludovisi.

La storia nella storia e che diventa storia così inizia il Francigena Musica che vede più appuntamenti nell’anno tutti atti a valorizzare la storia, il territorio e l’arte sotto tutte le sue forme.

Commenta con il tuo account Facebook