L’Istituto “Leonardo Da Vinci”di Acquapendente trionfa al progetto “GA Day: parlamento europeo giovani”

0

 

ACQUAPENDENTE – L’Istituto Omnicomprensivo “Leonardo Da Vinci”di Acquapendente ha trionfato per il secondo anno consecutivo al progetto “GA Day: parlamento europeo giovani”.

Con fase finale svoltasi a Perugia (Palazzo Cesaroni), la simulazione dal titolo “Dall’Umbria all’Europa: gli studenti si confrontano” ha visto confrontarsi oltre agli aquesiani le scuole Iisst di Orvieto, l’Iis Acp di Orvieto ed il Liceo Tacito di Terni. Obiettivo dell’iniziativa è sostenere l’educazione alla cittadinanza attiva e consapevole e lo sviluppo di una coscienza comune di appartenenza europea, attraverso l’elaborazione di proposte concrete dibattute in un’assemblea strutturata sul modello della plenaria del Parlamento europeo. Il progetto è stato promosso dall’Assemblea legislativa (Servizio studi, valutazione delle politiche e organizzazione), dall’Associazione Parlamento europeo giovani (Peg) ed ha visto 72 ragazzi, divisi in sei Commissioni, affrontare altrettanti argomenti prioritari, per poi elaborare altrettante proposte di risoluzione che sono state dibattute durante la simulazione dell’Assemblea generale.

I testi approvati hanno riguardato la partecipazione dei giovani al processo decisionale, la riduzione dello spreco alimentare, il rafforzamento dei sistemi sanitari pubblici, il contrasto alla violenza sulle donne, il sostegno alle start up, la regolamentazione dell’impiego dell’intelligenza artificiale. La sessione plenaria è stata aperta dalla presidente Donatella Porzi, che ha salutato gli studenti delegati. “Voi siete non il nostro futuro – ha detto – ma il nostro presente, e il futuro lo dobbiamo costruire insieme. La vostra presenza qui e il vostro rispetto delle istituzioni, anche attraverso un abbigliamento consono, rappresenta la capacità che hanno i giovani di dare un contributo serio alle nostre istituzioni. Una proposta concreta, quella che discuterete e metterete ai voti, nata dall’analisi della situazione di partenza e dalla predisposizione di alcune proposte. Un lavoro scrupoloso e approfondito per il quale mi complimento. Vi sollecito però a non vedere lontano e distante il mondo delle istituzioni, qui c’è posto per voi”. Nel corso della mattinata è intervenuta in videoconferenza l’eurodeputata Simona Bonafè che ha assistito ad una parte del dibattito mentre la sessione pomeridiana si concluderà con l’intervento di Valentina Colcelli (Consiglio Nazionale delle Ricerche, membro del Progetto Europeo Centro d’Eccellenza “Jean Monnet” Rights&Science-Università di Perugia) e la premiazione, da parte di una giuria composta da tre componenti della “Associazione Parlamento Europeo Giovani (Peg) e da un funzionario dell’Assemblea legislativa, dei quattro studenti che si sono distinti per gli interventi svolti e della Commissione che ha prodotto il testo più efficace.

Commenta con il tuo account Facebook
Share.

Comments are closed.