ACQUAPENDENTE – Seppur con vistose perdite sia alla Camera (-644 voti) che al Senato (-501 voti) rispetto alla consultazione elettorale 2013 il Partito Democratico rimane la principale forza politica aquesiana.

Questo il dato principale di una consultazione elettorale che incorona seconda forza territoriale il Movimento cinque Stelle (lieve perdita di -67 voti alla Camera ed incremento di +5 al Senato per percentuali che si cristallizzano su livelli ottimi: 26.7% alla Camera e 25.7% al Senato). Come era ampiamente previsto alla vigilia, cambiano le gerarchie di forza nel centro destra, dove si è assistito all’ascesa ed il sorpasso su Forza Italia della Lega, che incrementa voti sia al Senato che alla Camera (le percentuali si attestano sul 22.38% alla Camera e 21.51% al Senato). Per i “berluscones” parlano da soli i numeri: -286 voti alla Camera (si passa dal 14.1% del 2013 all’attuale 7.82%) e – 214 al Senato (si passa dal 13.3% al 8.46%). In ribasso in questo atollo anche Fratelli d’Italia che perde voti sia alla Camera che al Senato. Crescita positiva e benefica per Casapound che aumenta di 56 voti alla Camera e 57 al Senato.

Numerosi ed interessanti gli altri approfondimenti. Per quanto riguarda il Senato +Europa conquista 35 voti (1.14%), mentre migliora leggeremente rispetto al 2013 il Partito Comunista dei Lavoratori (33 voti e percentual dell’1.08%). Sullo stesso livello il Partito Comunista. Potere al popolo conquista 24 voti (percentuale 0.78%), il Popolo della famiglia 23 (0.75%), L’Udc 11 (0.36%), Italia Europa Insieme 10 (0.32%), Italia agli Italiani 7 (0.22%), Civica Popolare Lorenzin 6 (0.19%), Lista del popolo per la Costituzione 4 (0.13%), 3 voti per Democrazia Cristiana e Una Sinistra rivoluzionaria (0,09%). Alla Camera buona prima uscita per Liberi ed Uguali (78 voti e percentuale 2.38%). Poi 48 voti per Europa (1.46%), incremento del Partito Comunista (quindici voti in più e 1.07%), 27 voti per Potere al Popolo (0.8%), 24 al Popolo della Famiglia (0.7%), 13 a Italia Eu insieme (0.3%), 11 all’Udc (0.3%), 5 alla Lista del Popolo per la Costituzione e per una Sinistra rivoluzionaria (0.1%) e 3 all’Italia agli Italiani. Trionfatore tra i candidati uninominali alla Camera Mauro Rotelli con 1.169 voti. Seguito da Giuseppe Fiorni con 1.006, Elisa Galeani con 895, Patrizia Berlenghini con 81, Umberto Ciucciarelli con 74, Massimo Recchioni con 37, Roberta Leoni con 27, Guido Pianeselli con 26, Alessandro Diotallevi con 6 e Valerica Ricca con 5. “Uber alles” al Senato Francesco Battistoni con 1.087. Seguito a ruota da Alessandro Mazzoli con 1.008, Alberto Cozzella con 801, Claudio Taglia con 68, Stefania Camilletti con 49, Mauro Botta con 33, Armando Di Marino con 24, Marco Rocchi con 23, Michele Di Lazzaro con 9, Corina Costantinescu con 4, ed Antonello Armato e Caterina Di Rienzo con 3.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email