ACQUAPENDENTE – Ieri sera bel successo – di pubblico e di consensi – per il secondo episodio di AGER (“13 musei del SIMULABO si raccontano”), progetto targato Sistema museale del lago di Bolsena e Banda del racconto. Tappa al museo della Città di Acquapendente.

Ospite d’onore, come di rito, il direttore, lo storico dell’arte Andrea Alessi, che ha saputo deliziare il folto pubblico con affabili “pillole” critiche sulle eccellenze pittoriche custodite nella splendida realtà museale aquesiana (da Girolamo di Benevenuto a Sano di Pietro, da Rondolino Pesarese al Venusti, per citare solo qualche nome).

Antonello Ricci ha invece proposto letture scelte di brani tratti dai grandi viaggiatori del passato che fecero tappa e soggiornarono nella città alto-laziale: dal Poliziano a Baldassarre Castiglione, dal signore di Montaigne a Montesquieu, con un omaggio particolare ai taccuini di viaggio dell’imaginifico Gabriele D’Annunzio. Autori sempre “giudiziosamente” abbinati alle pitture secondo un rigoroso principio di corrispondenza cronologica.

Momenti davvero magici, d’altro canto, quando il laboratorio di restauro che opera in seno al museo della Città, coordinato dalla brava Roberta Sugaroni, ha spalancato le sue porte – mettendosi al lavoro ad ora davvero inconsueta – per coinvolgere il pubblico con domande e curiosità, svelando anche qualche “trucco” del mestiere.

Proprio fra il pubblico, che ha voluto onorare l’impegno e la dedizione degli organizzatori seguendo fino in fondo con pathos attento e divertito la singolare passeggiata/racconto, fa piacere segnalare alcune presenze di particolare valore: lo storico aquesiano dell’Europa orientale e dell’islam Fabio Marco Fabbri; Ugo Nardini, già sindaco di Acquapendente nonché presidente della provincia di Viterbo; e infine, con sortita davvero inattesa quanto gradita, il sindaco di Viterbo Leonardo Michelini e signora.

Segnaliamo fin d’ora le prossime due tappe del progetto AGER: il 17 settembre a Cellere, ospiti del direttore del locale museo del Brigantaggio, l’antropologo Marco D’Aureli, sulle tracce di “Tiburzi il brigante – nascita di una leggenda maremmana”; il 23 settembre invece a Lubriano, sui sentieri dell’affascinante museo “itinerante” diretto da Mirko Pacioni, in cerca di erbette mangerecce e frutti, di calanchi, tufi ed acque, ospiti d’onore il genius loci Realino Dominici nonché il giovane e valente narratore lubrianese Carlo Quondam. Due appuntamenti da non perdere!

Si ricorda che AGER è un progetto finanziato dalla Regione Lazio con L.R. 23 ottobre 2009, n. 26 – Disciplina delle iniziative regionali di promozione della conoscenza del patrimonio e delle attività culturali del Lazio (e successive modifiche).

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email