Il libro fotografico : “Sulle Strade della Mille Miglia 2021”, curato da Attilio Facconi racconta per immagini, realizzate dai migliori fotografi al seguito della corsa, l’ intero svolgimento della competizione di regolarità per auto d’ epoca più importante del mondo, ma non solo: con un tuffo nel passato ci narra la prima Mille Miglia, datata 1927, un’ idea geniale che diventa storia e leggenda dell’ automobilismo sportivo.

Attilio Facconi, storico della corsa bresciana della quale si cura con passione e rigore, ha ottenuto, a partire da questa decima edizione,  il patrocinio all’ opera da parte del  Vittoriale degli Italiani ed una prefazione firmata dal Prof. Stefano Bruno Galli, Assessore alla Cultura della Regione Lombardia.

Un intero capitolo fotografico del libro 2021 è dedicato al passaggio della corsa in Umbria e Lazio, il territorio protagonista con le sue strade, i suoi paesaggi, le sue genti e tradizioni, uno spaccato italiano che ancora oggi rende la corsa affascinante ed unica; dal 2018 la Squadra Corse Traguardo-Taruffi valorizza l’ arte della fotografia assistendo i fotografi  stimolando la loro passione anche grazie a premi speciali come quelli del Concorso fotografico Bruno Boni.

“ L’incontro al Museo Taruffi  che farà seguito a quello del giorno precedente ad Amelia è particolarmente importante – dichiara Attilio Facconi – e mi consentirà di raccontare alcuni episodi anche inediti di questo straordinario personaggio che ha fatto la storia della Mille Miglia, correndola per ben quindici volte e trionfando nell’ ultima edizione del 1957; svelerò nel dettaglio i particolari del sorpasso vincente di Piadena con il quale Taruffi superò Von Trips e si involò verso la prestigiosa vittoria; ma sarà anche l’occasione per parlare di fatti e situazioni legati al territorio viterbese ed alla Volpe argentata”.

Articolo precedenteDiVino Etrusco, il 20 agosto la gara gastronomica “Divin mangiando”
Articolo successivoASL Viterbo: gestione endovascolare del trauma, focus all’Unitus sulla tecnica Reboa