BAGNOREGIO – Civita Cinema 2018 entra nel vivo del suo viaggio all’interno del cinema. Non una rassegna di film ma un’occasione di incontro con attori, registi e maestranze. Le professionalità di questo affascinante mondo che si raccontano e confrontano con appassionati e curiosi.

Il tutto in un’atmosfera raccolta e allo stesso tempo di livello internazionale, che questo posto affacciato sulla Valle dei Calanchi è riuscito a sviluppare negli ultimi anni. Andrea Loreni (il funambolo), Bianca Nappi (attrice di successo) e Alessandro Aronadio (regista) i protagonisti della seconda giornata del festival. “Vogliamo raccontare e mostrare alle persone cosa c’è dietro a un film. Le varie professionalità, il senso e l’importanza del lavoro di ognuno. Civita Cinema è questo, un momento in cui è possibile guardare dentro un mondo di grande magia e fascino”. Le parole dei direttori artistici Vaniel Maestosi e Glauco Almonte.

Il funambolo, dopo l’esibizione dell’apertura di Civita Cinema, si è raccontato al pubblico in piazza San Donato. Una conversazione profonda e al tempo stesso molto amichevole. Ha raccontato della sua esperienza di zen in Giappone e delle tante traversate in giro per il mondo, dell’inizio di questo suo lavoro particolare e delle emozioni che prova ogni volta sulla fune. “Lì devi essere necessariamente autentico, devi essere te stesso. La necessità di non poter sbagliare un attimo mi fa essere vigile e presente, tenuto concentrato dalla paura. Faccio il funambolo perché in quel momento in cui sono sul cavo mi sento pienamente vero. Sono io”. Ha raccontato Loreni al pubblico del festival.

Bianca Nappi ha raccontato il mestiere dell’attore, tra successi e difficoltà. E Alessandro Aronadio si è raccontato come regista. Con lui anche Davide Novelli della Vision Distribution. In chiusura la proiezione di ‘Io c’è’, regista Alessandro Aronadio con un grande Edoardo Leo. Anche lui sarà tra gli ospiti dell’edizione 2018 del festival con lo spettacolo ‘Ti racconto una storia’ (domenica, ore 21,30, piazzale Biondini).
Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email