BAGNOREGIO – Non si ferma la battaglia intrapresa dai 36 lavoratori dell’Alta di Bagnoregio. I dipendenti dello stabilimento, da 4 mesi senza stipendio, non mollano infatti la presa, decisi a ricevere risposte esaustive da parte dell’azienda.

Un’azione, quella messa in atto, che sta dando i primi risultati. Dopo aver ricevuto un acconto relativo allo stipendio di un mese e mezzo, l’azienda ha infatti convocato i dipendenti per un incontro presso la sede di Unindustria.

Un segnale di apertura che lascia ben sperare ma che tuttavia non dissipa le preoccupazioni: “Siamo determinati – affermano i dipendenti – e non intendiamo mollare di un centimetro. In gioco c’è il nostro futuro lavorativo e, di conseguenza, quello delle nostre famiglie. Esigiamo pertanto chiarezza e trasparenza. Nel caso in cui non si arrivasse a ciò siamo pronti anche ad azioni eclatanti, come bloccare l’ingresso del ponte di Civita di Bagnoregio nel giorno di Pasquetta”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email