Sabato sera alle ore 19:00 presso l’Auditorium Taborra di Bagnoregio è stata presentata alla cittadinanza la lista civica numero 1 “Uniti per Bagnoregio” con Alessandro Landi candidato Sindaco.

E’ stato lo stesso Landi ad aprire l’incontro esponendo prima alcuni punti del programma elettorale poi annunciando uno ad uno i 12 rappresentanti che scenderanno (al suo fianco) in campo per il voto amministrativo del 26 maggio.

Con Alessandro Landi ricordiamo: Alfio Marconi, Bruno Silvi, Susanna Fioco, Giandomenico Cortignani, Giampietro Carboni, Sonia Pietretti, Lorena Paolucci, Giuseppina Bisti, Francesco Fausto, Giancarlo Mosciarello, Silvia Medori, Stefano Rosatini, candidati che appartengono in via trasversale a vari partiti politici, dalla Lega, al Movimento 5 Stelle, a Forza Italia, fino a rappresentanze Civiche del territorio.

Una platea gremita con ospiti politici giunti anche da Viterbo a sostegno dei vari rappresentanti locali presenti nella “squadra”, tra questi Il Senatore Umberto Fusco per la Lega e Dario Bacocco per Forza Italia.

Un’ora di intervento dedicata non solo alla presentazione del gruppo ma anche ai principali punti del programma che saranno le colonne portanti, da qui al 26 maggio, di un confronto sano ma duro con l’altra controparte guidata da Luca Profili, vicesindaco uscente della giunta Bigiotti.

Da parte di Landi da segnalare l’affondo (più volte menzionato) in merito alla gestione disorganizzata e mal “concepita” dei flussi turistici per Civita di Bagnoregio. La totale assenza di servizi igienici pubblici unitamente al caos parcheggi sono state le principali critiche sollevate dal neo candidato cosi’ come la poca ricaduta economica (per via dei bus) nel centro storico del Paese. La frecciata di Landi è inoltre scoccata anche in direzione Profili quando ha più volte chiesto ove fosse collocato ad oggi, a livello partitico, il vicesindaco uscente, se in quota Fratelli d’Italia o – paradossalmente – nel Partito Democratico. Quesito che resta oscuro ai più.

Vista la grande affluenza di pubblico, questa prima uscita ufficiale del bancario capolista ha già dato un segnale chiaro ed inequivocabile: a Bagnoregio gli scenari per il prossimo rinnovo del consiglio comunale appaiono tutt’altro che scontati. In uno dei paesi più importanti della Tuscia sembra ormai lapalissiano che la “sfida” tra i due contendenti alla carica di Primo Cittadino sarà particolarmente accesa e ricca di colpi di scena.