Si ha notizia -da documenti antichi- della festa della Natività di Maria Santissima a Barbarano Romano già dal 1400.

La solennità inizia per la popolazione dieci giorni prima con la preparazione spirituale, che vede poi nel giorno della festa, il culmine nelle celebrazioni eucaristiche – 8,30 e 10,30- del mattino presso la chiesa parrocchiale Santa Maria Assunta. Da tre anni, nel pomeriggio ha preso vita la bella ed elegante realtà del Corteo Storico Medievale e Rinascimentale “Santa Maria del Piano”. il Parroco don Vincenzo Sborchia curiosando negli antichi documenti ha notato un particolare storico che si è ripetuto negli anni che vanno dalla fine del ‘400 a metà del ‘500: i frati francescani che abitavano il luogo sacro si sono trovati più volte in situazioni di difficoltà economica che metteva a rischio lo svolgersi della festa tanto attesa dalla popolazione. Il potestà in accordo con alcune delle famiglie nobili del borgo hanno provveduto tempestivamente a vendere i depositi di orzo per dare poi il ricavato ai Padri per poter così garantire la festa.

Da qui nasce l’idea del corteo! Attraverso una simbolica processione offertoriale di orzo e fiori, i figuranti, vestiti in abiti medievali e rinascimentali, popolani, musici e sbandieratori, salendo verso il Santuario, vogliono ricordare quei tempi dove le comunità civile e religiosa erano fortemente unite nella fede! All’interno del sacro edificio la preghiera di affidamento alla Vergine Santa vuole essere segno del ritorno a quel luogo di luce dove il popolo Barbaranese in Maria Santissima si è sempre ritrovato unito nella fede nella speranza e nella carità.

In questo atto d’amore Barbarano Romano rivive un SOGNO TRA MEDIOEVO E RINASCIMENTO.

 

Commenta con il tuo account Facebook