Bassano Romano

Don Alessandro Romano commenta l’iniziativa di far suonare l’Inno di Mameli ogni giorno alle 12 nel Monastero dei Benedettini Silvestrini per reagire al COVID-19

“Oggi le campane sembravano piangere”. E’ partita questa mattina, alle 12 in punto, l’iniziativa che vedrà suonare l’Inno di Mameli presso il Monastero di San Vincenzo, iniziativa che verrà riproposta con cadenza giornaliera sempre a mezzogiorno anche nei giorni a venire.
“Il nostro augurio – afferma Don Alessandro Romano, economo del Monastero – è quello di ritornare in fretta ad una situazione di normalità. Questa iniziativa vuole essere di reazione e conforto alla vicenda legata al COVID-19 che tanta paura e dolore sta generando. Per noi è un semplice gesto ma crediamo molto significativo di come anche la nostra comunità vuole essere vicino non solo alle persone che hanno perso i propri cari e che a vario titolo stanno soffrendo ma di incitamento a tutti gli altri, penso ai medici, agli infermieri, alle forze dell’ordine, alla protezione civile che stanno lottando con grandi sacrifici per sconfiggere il corona virus. L’inno rappresenta l’unità d’Italia, i momenti più belli della nostra storia, spesso legati ad eventi gioiosi. Il nostro auspicio è ripartire proprio qui, una vvolta debellato, tornando ad abbracciarci tutti insieme”.