L’avventura della tre giorni di Marco Rossi di origine bassanese partito da Istia Lombrone per arrivare nella Tuscia

 

Da Istia Lombrone, frazione del comune di Grosseto, a Bassano Romano. Dalla bassa Toscana alla Tuscia percorrendo la Via Clodia. In tre giorni ha percorso 170 chilometri con prima tappa a Pitigliano, la seconda a Tuscania per poi arrivare nel centro viterbese.

E’ l’avventura di Marco Rossi, bassanese esportato in Toscana per lavoro, che ha voluto collegare i due comuni con questo percorso storico. Un legame tra Bassano Romano, il suo paese d’origine e la frazione di Grosseto, che ormai lo ha adottato.

Marco Rossi è partito insieme al suo amico fraterno da oltre venti anni, Giampaolo Formica, che dopo 70 chilometri ha dovuto abbandonare per problemi.

Al suo arrivo a Bassano Romano è stato accolto dalla moglie, dalle figlie, dai genitori e dai suoi parenti. Ad aspettarlo anche il consigliere comunale delegato allo sport, Eros Marchetti, che ha voluto ridare il benvenuto a nome dell’Amministrazione Comunale.

“Come Amministrazione Comunale – ha detto Marchetti – non possiamo che fare i complimenti a Marco per questa impresa molto impegnativa. Grazie soprattutto per due motivi. Da una parte perché ha contribuito a promuovere il nostro paese e dall’altra perché è sicuramente un esempio di passione e di impegno. Un insegnamento che Alex Zanardi ha dato in tutta la sua vita e che in questi giorni in molti hanno ricordato. Lo stesso Marco Rossi ha dimostrato che grazie alla dedizione, all’impegno e alla passione è possibile raggiungere risultati importanti e magari superare i propri limiti”.