BASSANO ROMANO – Prende il via Sport e integrazione. L’iniziativa, nata da un’idea dei consiglieri comunali Alfredo Boldorini e Carlo Pellegrini, ha visto di fronte i rifugiati presenti a Bassano contro una rappresentanza della comunità albanese.

I ragazzi si sono sfidati nelle più classiche delle partite di calcetto dando vita ad un bel momento di aggregazione e di divertimento.

Sport e integrazione ha avuto anche il patrocinio della Uisp di Viterbo sempre attenta alle politiche di aiuto verso i più deboli e gli svantaggiati.
Soddisfatti gli organizzatori.

“Il progetto Sport e integrazione – dichiarano Alfredo Boldorini e Carlo Pellegrini – nasce come veicolo di inclusione e di solidarietà. Con questa iniziativa – aggiungono i due consiglieri comunali – vogliamo avvicinare i bisogni dei ragazzi rifugiati con quelli della nostra comunità. Vogliamo che, per quanto possibile, con tutte le difficoltà del caso, si sentano parte integrante del nostro ambito. Abbiamo scelto lo sport ed in particolare il calcio a 5, come mezzo di inclusione sociale e sembra che i risultati siano stati ottimi. Ovviamente questo primo appuntamento è un tentativo, un piccolo aiuto per far incontrare e far dialogare queste due comunità residenti nel nostro comune. Ringraziamo la Uisp di Viterbo per il patrocinio e di gestori del centro sportivo La Galilea per la disponibilità mostrata”.

“Ringraziamo gli organizzatori di questo evento – hanno confidato alcuni richiedenti asilo -. Noi siamo qui a Bassano Romano dal 2013 e nessuno ci aveva mai coinvolto in iniziative del genere. Abbiamo passato una bella mattinata. Grazie ancora”.

Appuntamento a domenica prossima per il secondo match in programma.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email