BOLSENA – Fervono i preparativi per quella che ormai può essere annoverata tra le manifestazioni natalizie più attese dell’Alto Lazio. La storica e magica cornice del Quartiere Castello di Bolsena infatti, anche per quest’ anno, farà da sfondo naturale per l’edizione del presepe vivente.

Un evento che, seppur giovane, ha saputo attrarre ed estasiare locali e turisti fin dal suo debutto.

Un successo che ha portato i ragazzi dell’Organizzazione a non accantonare mai il lavoro di ideazione al fine di spingerlo sempre di più verso il suo perfezionamento e gli sponsor a scommettere ed investire sempre più sul buon esito della manifestazione.

Una location quella della cittadina lacustre che si sviluppa tra vicoli storici, scorci mozzafiato, piazzette e cantine su cui spicca la possente Rocca Monaldeschi, anch’essa illuminata a festa per l’occasione; un contesto di eccezionale bellezza che vedrà l’introduzione di importanti novità, al fine di offrire al pubblico un’esperienza sempre più contestualizzata e realistica.

L’evento, patrocinato dal Comune di Bolsena, dall’Associazione Pro Loco e realizzato dall’associazione “La Corte dei Miracoli” si svolgerà nelle giornate di Martedi 26 DICEMBRE 2017 e Sabato 6 GENNAIO 2018 a partire DALLE ORE 17.30. La giornata del 26 dicembre si aprirà con le figure di Maria e Giuseppe nel loro pellegrinaggio alla ricerca di un riparo per l’imminente nascita del Salvatore. La data del 6 gennaio invece vedrà l’arrivo dei Re Magi, che percorrendo tutto il percorso del Presepe giungeranno sino alla Capanna per offrire i loro doni a Gesù.

Un percorso di più di 700 metri per circa quindici scene di rappresentazione di vita popolare, tutte attentamente studiate per permettere ai turisti di tuffarsi in un passato che ormai sbiadito. Cantine aperte per rievocare i più antichi mestieri (il fabbro, il panettiere, il pescatore ecc.), vicoli illuminati con fiaccole e candele, torce in ferro battuto scolpite a mano da artisti locali ed affisse per l’occasione. Un percorso di assaggi gastronomici, musica filodiffusa (è di quest’anno l’acquisto di ben 50 casse e 2 amplificatori!) ed artisti itineranti.

Circa 200 i figuranti coinvolti sui vari “set” e notevoli le persone addette all’organizzazione tra cui, ricordiamo, le volontarie della Croce Rossa Italiana addette ai particolari di make-up. Saranno presenti, come da tradizione, le “Lavandaie della Tuscia” che animeranno con canti e balli la zona del Lavatoio, uno dei luoghi più suggestivi del rione; si avrà il piacere di ammirare, in una delle più belle piazze del quartiere Castello, il gruppo di rievocazione storica “Legio III Gallica” che riprodurrà fedelmente una legione romana ed il suo accampamento. E poi ancora le cornamuse itineranti del giovane Francesco, ormai un affezionato alla piccola cittadina, e una sorta di fattoria didattica in cui i bambini potranno divertirsi osservando gli animali meno domestici gentilmente dati in “prestito” da molti allevatori locali.

Insomma, un’altra edizione ricca di esperienze emotive che attende di essere fruita dal suo affezionato pubblico e non solo. L’appuntamento è a Bolsena, non ci resta che invitarvi a seguire la Stella Cometa…!

Commenta con il tuo account Facebook