CANINO – Prenderà avvio il 25 agosto alle ore 21,30 la prima edizione di GustArte Canino. Collettività, creatività, bellezza e gusto uniti dal fil rouge della narrazione rappresentano il mood centrale dell’evento.

All’interno di sinuose viuzze e di accoglienti pizzette, un tempo cuore pulsante della vita del paese, si snoderà un allestimento visivo realizzato con le tele di artisti emergenti. Rame 13, Urto, Domenico Greco, Florinda Zanetti, Roberta La Monica questi i nomi dei creativi che parteciperanno al talent GustArte Canino 2017. La tela più votata attraverso la pagina Facebook del Comune di Canino sarà premiata a Settembre in occasione della festa del Santo Patrono. All’interno di meravigliosi portali saranno esposti scatti di fotografi professionisti ed amatoriali.

L’allestimento delle opere, sapientemente curato da UV Collective, ha l’obiettivo di mettere in valore sia il lavoro degli artisti che il contesto urbano in un’ottica di recupero e di valorizzazione dialettica. Gli ospiti saranno accompagnati ed intrattenuti dalla narrazione della Dott.ssa Barbara Sarti che racconterà la “Storia delle piccole cose” e simpatici aneddoti di personaggi più o meno famosi che hanno lasciato tracce e testimonianze ancora persistenti nel tessuto sociale caninese. I mini tour gratuiti prenderanno avvio da via Roma alle 21,30 e alle 22,30. Lungo il percorso, sarà possibile degustare le eccellenze enogastronomiche del territorio. Per i vini un’abbondante mescita e un’alta qualità sono garantite dai generosi produttori locali: Cantina Ivana di Milioni, Cantina Lotti Filippo, Cantina Consalvi Luigi e Cantina Diego Simoncini.

I formaggi saranno offerti da: Caseificio Radicetti, Caseificio Giorgi e Caseificio Bigherati. Immancabile, il punto di degustazione della bruschetta condita con l’olio DOP prodotto dall’Oleificio Sociale di Canino. Presente anche uno stand con marmellate, conserve, passate. Tutti prodotti biologici e solidali a marchio Semina delle Fattorie Solidali.

La giovane band degli Artfly, con le proposte di brani storici della musica italiana rivisitate in chiave contemporanea, sarà la colonna sonora della manifestazione.

L’evento GustArte accende così i riflettori su un territorio ricco di risorse per ridisegnare una mappatura del bello che possa finalmente attivare fenomeni di fruizione collettiva e circuiti di comunicazione nei quali logos e aìsthesis siano sapientemente intrecciati in una progettualità ecologica e possibile.

Commenta con il tuo account Facebook