Il presidente del Consiglio regionale Mauro Buschini conferisce il riconoscimento “Made in Lazio” a cinque aziende della regione, una per ciascuna provincia, che si sono contraddistinte per originalità, innovazione, coraggio e capacità di essere protagoniste nel Lazio e nel mondo.
“Made in Lazio” vuole rappresentare quindi, anche la vicinanza dell’istituzione regionale al sistema produttivo dei territori, alle 660mila imprese in gran parte medio piccole, che rappresentano il motore dell’economia, ma anche dei talenti della nostra regione.

 

Massimo Panetti e Simone Panetti per l’azienda PANETTI di Canino, in provincia di Viterbo

Un’azienda a conduzione familiare, che da otto generazioni ha fatto della lavorazione del legno il proprio punto forte. Un’impresa innovativa e di successo, nata 40 anni fa come piccola falegnameria per la lavorazione di mobili e porte, ma che oggi, tra le altre produzioni artigianali, è specializzata nella realizzazione di occhiali con montature in olivo e altri legni pregiati, come palissandro e ebano, in una città come Canino, in provincia di Viterbo, dove la maggior parte delle piccole attività locali è invece legata alla produzione di olio. I prodotti della Panetti uniscono tradizione e innovazione, e sono diventati ben presto molto richiesti sia in Italia che nei mercati internazionali (come ad esempio gli Stati Uniti), rappresentando il Made in Italy e il Made in Lazio nel mondo. L’azienda è anche produttrice di montature fatte con i fondi del caffè e di prototipi realizzati con i fogli di giornale.