La casa di vetro a ruote per educare all’ecologia tocca la sua ultima tappa,nell’ambito del progetto “SOStenibile- La crisi è l’occasione”



Save the date: sabato 9 aprile. Canino. Piazza Bonaparte. Sarà l’ultima fermata del truck di Juppiter, in tour tra Tuscia e Maremma per coinvolgere giovani e istituzioni nella salvaguardia del pianeta. 

L’associazione ha allestito un maxi camion dalle pareti di vetro, un incubatore di eventi itinerante, in grado di toccare sei tappe in sei giorni per fare educazione ambientale. L’iniziativa, partita il 4 aprile e che terminerà domani, rientra nel progetto “SOStenibile – La crisi è l’occasione”, organizzato da Juppiter in collaborazione con il Comune di Montalto di Castro e realizzato grazie a Enel.

In meno di una settimana l’associazione ha incontrato più di 700 ragazzi, che si uniscono ai 2000 coinvolti attraverso le puntate tematiche viste a scuola, per parlare con loro di ambiente e di come proteggerlo, a partire dai piccoli comportamenti quotidiani che sembrano gocce nel mare – come chiudere l’acqua mentre ci si lava i denti – ma che, messi in atto insieme, farebbero la differenza contro sperpero d’acqua, inquinamento, cambiamento climatico. Come in tutte le altre tappe del tour – Pescia Romana, Tuscania, Montalto, Capalbio, Tarquinia – la giornata sarà spezzata in due tranche: la mattina dedicata ai ragazzi, che saliranno sul truck per una “lezione” speciale sulla sostenibilità; il pomeriggio articolato in un mini talkshow cui parteciperanno le istituzioni. 

Ogni tappa del viaggio è stata seguita anche dai tanti che hanno voluto fermarsi a guardare i video proiettati dal truck e ad ascoltare gli interventi: grazie all’audiodiffusione esterna e alle pareti trasparenti del camion chiunque volesse partecipare ha potuto farlo. Inoltre il tour è stato trasmesso in diretta face book dalla pagina di Juppiter e condiviso dai diversi comuni tappa del truck.

Protagonisti indiscussi della tappa finale saranno i giovani della scuola Paolo III di Canino, ospiti sul truck. 

“L’istituto Comprensivo Paolo III di Canino, ha da sempre dedicato un posto importante alle tematiche ambientali – afferma la vice preside, Mariella Salotti – e alle ricadute che possono avere su ogni singolo cittadino. Nel corso degli anni sono stati strutturati molti progetti finalizzati alla conoscenza, alla tutela e alla valorizzazione delle risorse del territorio”. Per questo: “Siamo particolarmente felici – continua la professoressa Salotti – di avere aderito al progetto SoSostenibile proposto dall’associazione Juppiter. I video che abbiamo ricevuto dall’associazione ci hanno permesso ci coinvolgere attivamente i nostri studenti  in maniera trasversale a tutte le discipline”.

Come sempre, i ragazzi approfondiranno il tema attraverso il metodo Juppiter: informazione, tecnologia ed emozione per spingerli a porsi domande, appassionarli, farli sentire i primi interpreti di un cambiamento possibile e decisivo per le sorti della Terra. 

“Si conclude la carovana della sostenibilità –evidenzia il presidente di Associazione Juppiter, Salvatore Regoli -. Sei tappe entusiasmanti, tantissimi ragazzi delle scuole, tantissime persone nel pomeriggio, in un clima di riflessione ma anche di festa, attraverso le espressioni artistiche del territorio, in una rete di collaborazione prestigiosa che ci ha permesso di portare una casa di vetro nelle piazze della maremma”.

Nel pomeriggio spazio al talkshow sull’ecologia conil sindaco di Canino,Giuseppe Cesetti, il vicesindaco di Montalto di Castro Luca Benni, e la vice preside della scuola Paolo III. 

“Accogliamo con soddisfazione l’opportunità  di aver sposato questa iniziativa che sa di futuro e sostenibilità – afferma, il sindaco di Canino, Giuseppe Cesetti -.Questa manifestazione arriva dopo un periodo difficile per tutti, in cui ci è stato impossibile fare iniziative, confrontarci e soprattutto incontrare i giovani . Adesso torniamo a parlaci, a discutere di futuro con i ragazzi. Una bella sensazione, soprattutto per parlare di temi importanti come la sostenibilità che riguardano il futuro di tutte le generazioni”.

Il dibattito vedrà tra i suoi contenuti iniziali il saluto di Ermete Realacci; gli interventi saranno alternati da performance musicali, coreografiche e artistiche in genere, con chiusura sul tetto del truck dove sarà proiettato un video ad alta suggestività.

“Enel – ricorda, Fabio Marcenaro, responsabile assets Centro Nord Power Plant OCGT & Islands Enel Produzione – ha da anni l’obiettivo di gestire le proprie attività in un’ottica improntata alla sostenibilità e alla tutela ambientale. In particolare in questo territorio supporta la istituzioni locali per lo sviluppo di iniziative sostenibili”.

Il truck conclude il suo viaggio, ma per “SOStenibile – La crisi è l’occasione” non è ancora il momento di fermarsi. L’ultima tappa di Canino segna la fine soltanto di una delle fasi del progetto, cui seguirà una fase successiva con incontri in presenza tra la popolazione adulta ed esperti del settore. Gran finale a Vulci a maggio, con una grande festa per l’ambiente.

Articolo precedenteTrasversale, Rotelli (FdI): “Come dicevamo, nominato il Commissario i lavori ripartono”
Articolo successivoDomus Mulieris in casa contro Smit