Definirlo un successo il concerto d’Estate della Corale “Monsignor F.Governatori ” di Capodimonte diretta e orchestrata da Manuela Cola è riduttivo. Il folto pubblico composto da cittadini locali e turisti al termine ha tributato agli artisti una calorosa standy ovation che ha emozionato la corale tutta.

Lo ha sottolineato anche il Sindaco Antonio De Rossi, che ha affermato che la Corale ha le porte spalancate per risolvere eventuali problemi che si dovessero presentare in futuro, in quanto la Corale è patrimonio culturale del paese. Il fantastico concerto è stato realizzato anche grazie alla ospitalità e alla collaborazione di Don Fedoro parroco della chiesa Santa Maria Assunta dell’amministrazione Comunale e della Pro Loco  Manuela Cola ha ringraziato al termine della serata anche Marco Corsi, Enrico Fanelli, Elio Franceschini, Secondo Ovidi, Paolo Pesci, Franco Pesci per la cordiale e elevata colaborazione data alla realizzazione di un evento che ha lasciato un segno in questa calda estate.

Soddisfazione del direttivo della Corale nelle persone del presidente Enrico Ribichini e di Giuseppe Fabri e Marco Prosperini per l’impegno profuso per l’organizzazione della serata riconosciuto da tutti i presente e per l’impegno di Manuela Cola che ha saputo concretizzare il grande impegno, la dedizione ed i sacrifici dei componenti della Corale per la preparazione di sempre nuovi brani e per la loro sempre maggiore crescita musicale, nonchè i maestri Marco Corsi, Enrico Fanelli, Elio Franceschini, Secondo Ovidi, Paolo Pesci, Franco Pesci.

Il primo brano in programma: SANCTUS, brano a 4 voci miste di Franz Schubert. è stato cantato alla memoria dei cari componenti che hanno fatto parte della Corale che purtroppo non sono più presenti, il loro ricordo è sempre vivo dentro il cuore ti tutti i componenti della Corale.il programma è proseguito : dalla Missa Jucunda di Vittadini: GLORIA IN EXCELSIS DEO; dall’opera “Il trovatore” di Giuseppe Verdi, libretto di Salvatore Cammarano: LA GITANA il brano sarà accompagnato anche da FRANCO PESCI alle percussioni; dal Requiem di Gabriel Faure’: SANCTUS; musica di Enrico Cannio, testo di Aniello Califano: O SURDATO ‘NNAMMURATO il brano sarà accompagnato anche da Elio Franceschini con il mandolino; dalla Prima Missa Pontificalis di Lorenzo Perosi AGNUS DEI; dall’ atto IV dell’ opera “Mosè” di Gioacchino Rossini: DAL TUO STELLATO SOGLIO.

Dopo un breve intermezzo la manifestazione canora è rispresa con : musica di Francesco Paolo Tosti, testo di Salvatore Di Giacomo: MARECHIARE il brano è stato accompagnato al mandolino da Elio Franceschini; di Giovanni Pierluigi da Palestrina: JESU REX ADMIRABILIS; dall’opera “Macbeth” di Giuseppe Verdi, libretto di Francesco Maria Piave: PATRIA OPPRESSA; musica di Eldo Di Lazzaro, testo di Bruno Cherubini: CHITARRA ROMANA — il brano sarà accompagnato al mandolino da Elio Franceschini; dalla Missa lucunda di Vittadini: SANCTUS — BENEDICTUS; dall’opera “Cavalleria Rusticana” di Pietro Mascagni, libretto di Giovanni Targioni-Tozzetti e Guido Menasci: GLI ARANCI OLEZZANO; autori Ernesto e Giambattista De Curtis: TORNA A SURRIENTO, il brano ha riscosso applausi a scena aperta.

 

Il primo cittadino De Rossi, dopo l’esecuzione dell’ultimo brano: dall’ opera “Nabucco” di Giuseppe Verdi, libretto di Temistocle Solera: VA PENSIERO, si è sentito in dovere di ringraziare la Maestra Manuela Cola per la sempre squisita sensibilità artistica e musicale, per la sua grande professionalità profusa nel condurre l’evento.

(GdZ)

Commenta con il tuo account Facebook