Il Sindaco di Capodimonte Antonio De Rossi, ha formulato i suoi complimenti ai componenti tutti dell’Associazione Culturale di promozione sociale “Franco Grossi per come è stata organizzata e gestita la 38esiama edizione della Sagra del coregone che si è svolta da giovedì 8 agosto e si è conclusa domenica 11.

La Sagra apriva i battenti alle ore 19 presso il lungolago e terminava quando le richieste si erano esaurite. Grazie all’organizzazione i turisti anche stranieri presenti non hanno dovuto sostare in interminabili file, ma in pochi minuti riuscivano a sedersi a tavola con vassoi contenentile “penne al profumo di coregone”, “coregone alla brace” aromatizzato in fase di cottura sulla brace e il “coregone marinato”. Poteva anche essere acquistato del coregone alla brace e portato a casa per una degustazione familiare.

Immancabile l’Est Est Est un bianco tipico che ben si accompagna al pesce di lago. Sono stati cotti circa 20 quintali di coregone prescato nel lago con la collaborazione di numersi pescatori del luogo. I responsabili dell’Associazione “Franco Grossi” hanno tenuto a sottolineare come il ricavato della Sagra verrà devoluto in beneficenza.

Da ricordare che la Sagra del coregone di Capodimonte ha avuto il suo battesimo occasionalmente nel 1981 quando, durante i festeggiamenti in onore di S. Antonio, un gruppo di amici preparò una grigliata di pesce avuto in dono da pescatori locali e la offrì ai partecipanti alla festa.

L’iniziativa venne prezzata moltissimo tantè che Franco Grossi (A cui è intestata l’Associazione benefica), uno dei promotori della simpatica iniziativa, propose di ripeterla non a gennaio ma durante l’estate, quando Capodimonte ospita di turisti italiani e stranieri.
La manifestazione lo rammentiamo è organizzata su base volontaristica e quest’anno tra i tavoli della Sagra si è notata la presenza di moltissimi giovani del luogo entusiasti.

Una stima approssimativa dice che circa 6/7 mila persone, nel corso delle serate, vengono accolte in uno spazio di oltre 600 mq, allestito con tavoli e gazebo.

Commenta con il tuo account Facebook