Sabato 23 marzo, presso il Museo Remiero di Limite sull’Arno (FI), si svolgerà l’incontro regionale per la Toscana promosso dall’Associazione Nazionale Piccoli Musei sul tema Museo e Scuola, e che vedrà, tra i partecipanti, rappresentanti del Museo della Navigazione nelle Acque Interne di Capodimonte (VT).

La giornata di studi prevede quattro tavoli tematici, con l’obiettivo di individuare argomenti condivisi su cui ipotizzare una progettualità integrata, di rete, con respiro regionale e con possibili relazioni anche extra-regionali, come dimostra la presenza della delegazione laziale, rappresentata dal Museo di Capodimonte. L’incontro sarà un momento potenzialmente molto concreto per progettare insieme sperimentazioni innovative su un tema che i due mondi, quello della scuola e quello dei musei, sentono come propria missione: sostenere metodologie di apprendimento attivo.

I lavori del convegno inizieranno alle 10 presso la sede della Società Canottieri La Mollaia, e proseguiranno fino alle ore 14,00. Il convegno – aperto dai saluti del Presidente della Società Canottieri Filippo Busoni, del Sindaco di Capraia e Limite, Alessandro Giunti, del Presidente dell’Associazione Culturale Museo Remiero Flavio Bini e del Presidente dell’APM-Associazione Nazionale Piccoli Musei, Giancarlo dell’Ara – vedrà gli interventi di Caterina Pisu, Direttrice del Museo della Navigazione nelle Acque Interne (MNAI) di Capodimonte, e di Andrea Gori, responsabile delle attività educative del Museo Galileo di Firenze, e si caratterizzerà per una sessione laboratoriale, introdotta da Marzio Cresci, direttore scientifico del MU.RE – Museo Remiero, Centro di documentazione “Mario Pucci” della cantieristica navale e del canottaggio a Limite sull’Arno, e coordinatore APM – Regione Toscana, con un lavoro di gruppo per tavoli tematici, aperti ad operatori museali e docenti. Il convegno è patrocinato dalla Regione Toscana, dal Comune di Capraia e Limite, dall’Associazione Nazionale Piccoli Musei e dalla IUL, Università Telematica degli Studi, Firenze.

Commenta con il tuo account Facebook