CARBOGNANO – “Sottolineare la grande mobilitazione e partecipazione di un’intera comunità in difesa dei propri interessi, del proprio territorio, della propria salute, del proprio paese è sempre motivo di grande orgoglio e un incentivo maggiore per tutelare al meglio il bene comune.

Sabato 25 e domenica 26 febbraio si è tenuta in Piazza San Filippo, a Carbognano, una raccolta di sottoscrizioni a sei differenti osservazioni alla realizzazione di pozzi geotermici esplorativi nel PR Lago di Vico; osservazioni per opporsi alle trivellazioni che una società dovrebbe realizzare nella zona di confine tra Carbognano e Caprarola (Località Piani e Località Servelli) e che interesserebbe anche molti comuni limitrofi.

Tale raccolta di sottoscrizioni è stata effettuata su iniziativa e organizzazione di liberi cittadini carbognanesi, appoggiati dall’Amministrazione Comunale di Carbognano.

La raccolta di queste sottoscrizioni è stata un successo. Nelle quattro ore tra mattina e pomeriggio di sabato 25 febbraio in cui i volontari sono stati in piazza a raccogliere queste firme, sommate alle tre ore della domenica mattina del 26 febbraio, la partecipazione della cittadinanza è stata attiva e corposa, tant’è che si è arrivati a superare abbondantemente le 800 sottoscrizioni alle sei osservazioni che riguardavano rispettivamente:

il pericolo di inquinare le falde acquifere e quindi di rendere inquinata l’acqua dei pozzi della zona, usata per abbeverare animali e innaffiare le colture, mettendo a dura prova il patrimonio economico e culturale del territorio carbognanese;

il pericolo, come si evince dal progetto, di possibili fughe di gas pericolosi come metano, CO2 e altri gas combustibili pericolosi per la salute dei cittadini;

il pericolo di deturpazione irreversibile del paesaggio, la distruzione della sua bellezza, così come la rovina dell’ambiente circostante dato che la fase di scavo per la realizzazione del progetto prevederebbe l’occupazione di 19000 m quadri ed inoltre, un simile intervento, rilascerebbe nell’aria una grande quantità di calore e forte rumore;

il pericolo concreto di aumentare sensibilmente gli effetti sismici in un territorio particolare, dovuto all’eventuale estrazione e reiniezione del fluido geotermico del sottosuolo;

il pericolo di compromettere significativamente la salute e la vita stessa di castagneti secolari presenti in zona che rappresentano un ecosistema delicato e già compromesso, un valore paesaggistico enorme oltre che un patrimonio per le famiglie proprietarie dei terreni indicati nel progetto in cui si prevede il prelievo e la reimmissione del fluido geotermico;

il pericolo ulteriore anche per la vita dei noccioleti, la cui coltura, alla stregua di quella dei castagneti, è alle base dell’economia del paese a vocazione prettamente agricola, per cui la cui salute dei noccioleti va tutelata e il patrimonio delle famiglie carbognanesi salvaguardato.

Questa grande mole di sottoscrizioni delle osservazioni alla realizzazione di pozzi geotermici è stata allegata a tutti i documenti d’opposizione preparati dalle Amministrazioni dei comuni di Carbognano e Caprarola e da alcuni liberi cittadini che sono stati inviati lunedì 27 febbraio alla Direzione Regionale Governo del Ciclo Rifiuti Area Valutazione Impatto Ambientale (VIA) della Regione Lazio
“.

Amministrazione comunale Carbognano

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email