Se volete scoprire chi sono i Vignaioli giovani, indipendenti, bio o come sono i vini vulcanici, senza solfiti non vi resta che andare in Tuscia e partecipare alla festa della Bio Vendemmia dell’Azienda Agricola Trebotti, dei tre fratelli Botti. Giunta alla 7a edizione, dopo i traguardi e i successi delle scorse annate, domenica 22 settembre, si rinnova e si preannuncia ancora più ricca e divertente.

È un’esperienza a tutto campo tra tradizione, innovazione e natura. La sostenibilità è la radice di valori, ideali e aspirazioni della Trebotti e non la moda del momento.

Per comunicare il basso impatto ambientale, il biologico, la sostenibilità, salubrità e qualità dei vini e rispetto per l’ambiente è nato questo evento volto a coinvolgere gli appassionati e vuole vivere una giornata bucolica. La mattina si potrà sperimentare l’essere vignaioli con cassetta e forbici, solo per pochi minuti o per un paio d’ore. I più piccoli, avranno la possibilità di pigiare l’uva a piedi nudi, proprio come una volta e scoprire come fermentazione. Divertimento assicurato e ricordi indelebili!

Vino, Arte e Cultura: oltre la vendemmia

Lo spuntino tipico di “allora”, pane, uva e noci e la spaccatura del prosciutto introdurranno la mostra diffusa di scultura “Ferri Animati” di Daniele Valabrega che sorprenderà per la bellezza e l’immediatezza delle sue opere realizzate con materiali di recupero. Mentre in cantina Paolo Loreti presenterà le cianotipie “Terroir” , fusione tra digitale e analogico che narra uno spaccato della vita dei campi, incontro tra ambiente e uomo.

Il pranzo, tra i filari dei vigneti Trebotti, è rievocazione dei pasti tradizionali della vendemmia, dal lombrichello al tartufo al tipico baccalà con finocchietto selvatico, arricchito dalla partecipazione di produttori locali come Bignanello, con i bignè salati al cuore della Tuscia, I fratelli Stefanoni, con la mitica porchetta e una selezione di salumi viterbesi, per finire con i gelati naturali di Lolla Gelato realizzati con i prodotti bio aziendali.

I convivio sarà allietato dalla musica dal vivo dei Diapason e dall’alta qualità dei vini prodotti dai tre Vignaioli.

Nel tardo pomeriggio, al fresco della cantina, Giampaolo Gravina accompagnerà i partecipanti alla scoperta dell’Incrocio Manzoni 6.0.13 italiani, per concludere, verrà presentato in anteprima il 3S l’Ancestrale 2016, spumante bio, senza solfiti, zuccheri, lieviti aggiunti, prodotto con un metodo ancestrale con 3 anni di maturazione nella grotta etrusca.

Prenotazione online: www.ecowineexperience.it

Info e contatti: +3906711986704 – +393287279717 – www.trebotti.it;

https://www.facebook.com/aziendabiologica.trebotti/ ;

https://www.instagram.com/trebotti-azienda-biologica-vino-sostenibile

Commenta con il tuo account Facebook