E’ stata inaugurata il 24 luglio la prima “flash exibition” del programma previsto dal Premio Centro in collaborazione con il Comune di Castiglione in Teverina, il Centro Sviluppo Teverina e il Consorzio Etruria International. Coadiuvato dalla Pro Loco di Castiglione lo staff dell’Associazione Premio Centro, ha dato il via , insieme all’autore , alla Mostra “Il mare di mezzo” che si protrarrà fino al 31 luglio 2020. Visitabile ogni fine settimana o su appuntamento secondo gli orari del Museo, l’esposizione si compone di alcune opere tutte ispirate al dramma dell’ingiustizia e della differenza sociale tra classi, che, se da una parte vede potere e denaro in mano a pochi, dall’altra si distingue per una massa enorme di popoli piegati dalla fame, dalla guerra, dalla povertà, dall’intolleranza, dallo sfruttamento, dalla fuga dalle proprie terre e dai tanti  massacri e morti in mare che ne consegue.  Angelo Coppola, accompagnato dall’artista caivanese  Antonio Scaramella, ha accolto i numerosi visitatori impegnandosi in un’azione performativa di alto valore comunicativo e con aspri cenni di  chiara interpretazione della  sofferenza e  dei diritti calpestati.

Ha assistito alla performance, percorrendo il tragitto della Mostra, il Sindaco di Castiglione in Teverina Leonardo Zannini, Moreno Rosati del CEI , Mauro Belli del CST e molti artisti e ospiti, guidati dal Curatore  e Referente artistico del Museo Paolo Berti. L’evento è stato interamente seguito, fotografato e filmato da Sigfried Junior Holben di Projectuscia. Padrini della manifestazione l’artista Giò Coppola e  Laura Catini. La Pro Loco castiglionese ha invece accolto i visitatori , fornendo assistenza, informazioni e un brindisi a fine evento, con i pregiati vini della terra teverina.  Il percorso intrapreso, che intende rendere il MUVIS e Castiglione in Teverina, congiuntamente ai comuni limitrofi , un centro di interesse anche artistico e culturale, oltre che enologico e monumentale, vedrà dal 6 al 9 agosto un’altra formidabile flash exibition del poliedrico artista Ivo Còtani  che , oltre a smaglianti opere di grande interesse formale e cromatico, proporrà un particolare workshop, aperto a chi nutra interesse per le nuove frontiere della creatività artistica. Il 9 agosto invece sarà presente con il suo “quadro-canzone” Matteo Pelliccione , che con musiche e colori animerà la giornata dell’Estate Castiglionese . Altri artisti sono pronti per questo ciclo che  si propone di accendere i fari dell’arte del XXI secolo sulle bellezze della cittadina teverina e del suo Museo del Vino e delle Scienze agroalimentari, rendendolo se possibile, un centro privilegiato sede di movimenti artistici innovatori.

Anticipiamo poi che Settembre sarà, sempre nell’ambito della programmazione già in essere, dedicato al grande Federico Fellini con una Rassegna Nazionale a cui parteciperanno 50 artisti di ogni parte d’Italia, con opere create pensando  al Regista ed al tema “Insolito Fellini…una donna sconosciuta”. Questo grande evento e il suo nutritissimo programma  coinvolgeranno anche le città di Bagnoregio, Soriano, Bomarzo e Viterbo.