Arrivati a fine serata, si tirano le somme di una nuova giornata di un marzo 2020 più che “pazzerello”. Il record odierno è tragico e il bollettino della protezione civile delle 18.00 assomiglia sempre più ad un bollettino di guerra. 

Negli ultimi giorni, abbiamo assistito, -purtroppo-, ad un moltiplicarsi di annunci e moniti delle istituzioni che invitano la popolazione ad attenersi ai provvedimenti assunti dal Governo. Il messaggio è semplice: rimanete a casa. Ma sembra che in pochi lo capiscano. Forse perché, spesso, vengono usati tecnicismi -“in ottemperanza al dpcm…”- e astrattismi -“pubblica sicurezza”, “ordine pubblico”-, che, per quanto corretti, mal si conciliano con un informale post su Facebook che, fondamentalmente, invita a non uscire.  

Scelta diversa quella del Sindaco di Castiglione in Teverina, Leonardo Zannini, che in un post di Facebook chiarisce: “Ragazzi, non ve lo dico più: per prodotto di prima necessità non si intende ad esempio il rossetto o la lametta per la barba, ma prodotto senza il quale non si campa.
Inoltre, è vietato allontanarsi da casa per andare a cogliere la cicoria a meno che uno non ce l’abbia nel giardino e il cane si porta a fare i bisogni intorno casa e non fino al bivio di “Pelofino”
.”

Messaggio ironico, ma calzante: non stupiamoci se alle persone non è chiaro che il rossetto non è un bene di prima necessità e non stupiamoci se c’è chi si è preso un cane solo per farsi un giro. Il Sindaco è il Primo Cittadino ed è il “Governo” più vicino alla quotidianità e alla carne viva degli italiani. Ben venga che parli con parole chiare e semplici, papale-papale per intendersi.
E, perché no, che sappia destreggiarsi nell’ironia (che non significa banalizzare) in un momento così complesso. 

In fin dei conti, quel 650 c.p. che blandiamo come un coltello contro chi esce a comprarsi i rossetti, prevede una pena che nel nostro ordinamento (democratico e non del terrore, che non “spedisce in carcere e butta la chiave”) ha una funzione “rieducativa”. Quindi, se le parole di Zannini riescono ad educare prima ed evitare che le galline fuggano dal pollaio.. beh, che siano d’esempio!

 

nb