CELLENO – A partire dall’agosto scorso l’Italia centrale è stata colpita da scosse di terremoto che hanno causato lutti, enormi disagi per le popolazioni colpite e danni economici incalcolabili.

Celleno reagì subito con una raccolta spontanea di beni di prima necessità promossa insieme ad altri comuni della Teverina che unita a quelle di molte zone d’Italia, dimostrarono il grande senso di solidarietà umana che ancora ci appartiene. Purtroppo le scosse sono continuate provocando ulteriori danni e, in tempi recenti, si sono aggiunti eventi atmosferici eccezionali, con nevicate che anno aggiunto disagi ulteriori ed ancora danni, soprattutto al settore zootecnico, in una vasta area appenninica tra Marche, Umbria, Lazio ed Abruzzo. Di fronte a questa nuova situazione ed ancora una volta, alcuni volontari di Celleno, col supporto di altri di Bagnoregio e Montefiascone, hanno provveduto a riempire un autotreno di foraggio e mangimi per alleviare le difficoltà degli agricoltori più colpiti. Un gesto concreto e spontaneo di grande significato morale e civile, che è stato indirizzato agli allevatori del Comune di Farindola (PE) e particolarmente apprezzato dagli stessi e dall’amministrazione comunale.

Un grazie sentito a tutti coloro che hanno voluto dare il loro contributo: Manganello Emanuele, Barocca Maria, Boi Donato Mariano, Ceccobelli Domenico e Remo, Contu, Marchino Simone, Pelecca Costantino, Brachino Massimo, Tarantelli Stefano e Luca, Pieretti Fabrizio, Brachino Evangelista, Cintio Remo, Manoni Daniele, Pezzato Luca, Moretti Maria, Agrihobby 2000, Checcarini Mangimi, Mecocci Adriano ed il Comune di Celleno. Un ulteriore ringraziamento a tutti gli organizzatori ed in particolare ad Adriano Manganello.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email