Nella giornata di ieri, 25 gennaio 2022, il sindaco di Celleno, Marco Bianchi, ha revocato l’ordinanza del 28 novembre scorso con la quale veniva dichiarata la non potabilità dell’acqua del servizio idrico a seguito del ritrovamento di vistose quantità di manganese nella rete idrica pubblica.

Numerose, infatti, furono le segnalazioni dei cittadini che riportavano la presenza di materiale sabbioso nell’acqua che sgorgava dai rubinetti delle case, alle quali seguirono i controlli di Talete s.p.a. e dell’ufficio competente presso la ASL di Viterbo. 

Stando ai risultati degli ulteriori controlli effettuati dalla società di gestione e della Asl di Viterbo, e pervenuti al Comune di Celleno nella giornata del 25 gennaio, non risulterebbero più anomalie tali da impedire il normale utilizzo dell’acqua corrente.

Anche secondo i controlli costantemente effettuati dal Comune di Celleno, il fenomeno semberebbe essersi ridotto notevomente e non si avrebbe notizia di materiale sabbioso presente nella rete idrica che pregiudichi la potabilità dell’acqua o ne impedisca l’uso a fini alimentari. Ad ora, dunque, ne viene ripristinata la potabilità.

Nondimeno, nell’ordinanza ultima il Sindaco invita i cittadini residenti nelle zone Selva, Acquaforte, Celleno Vecchio, Canne, Bivio e Teverina a segnalare eventuali problematiche relative al medesimo fenomeno.

Articolo precedenteGiornata Della Memoria, l’elenco delle celebrazioni per ricordare la Shoah
Articolo successivoVaccinazioni anti Covid per donne in gravidanza: open day ai consultori di Viterbo, Tarquinia e Civita Castellana