CELLENO – Straordinario l’interesse di studiosi e cittadini per il convegno sull’archeologia medievale tenutosi nei giorni scorsi al Palazzo della Cultura di Celleno, in cui è stata focalizzata l’attenzione sulle importanti tracce della storia e dei fasti di questo piccolo borgo della Teverina riportando alla luce significative testimonianze delle antiche popolazioni che hanno vissuto in questa terra.

L’incontro è stato promosso dal Comune di Celleno e dall’Associazione culturale Benvenuto Cellini e sapientemente organizzato dalla Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Roma, la provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale e dall’Università degli Studi della Tuscia, Dipartimento di Studi linguistico-letterari, storico-filosofici, giuridici (DISTU).

Al convegno – moderato da Massimo Fordini Sonni, presidente della Benvenuto Cellini -, sono intervenuti: il sindaco di Celleno Marco Bianchi, la docente dell’Università degli Studi della Tuscia Elisabetta De Minicis e la rappresentante del Ministero dei Beni Culturali Maria Letizia Arancio, vera regista delle operazioni di recupero e valorizzazione del materiale ceramico rinvenuto in passato a Celleno. Inoltre Giuseppe Romagnoli, coordinatore delle diverse attività svolte dal DISTU a Celleno, e Lavinia Piermartini hanno presentato gli straordinari reperti di maiolica arcaica sequestrati nel 1975 ad alcuni tombaroli, corpus unico del Centro Italia per quantità e qualità dei materiali.

L’incontro ha avuto più in generale l’obiettivo di approfondire la conoscenza della storia di Celleno e la valorizzazione del patrimonio culturale della città e del territorio attraverso lo studio del tessuto urbano con l’utilizzo di droni, con rilievi da terra e con l’utilizzo di tecnologie come il georadar. In tal senso eccezionale il lavoro svolto da Filippo Bozzo e Giancarlo Pastura che stanno completando il rilievo 3D dell’antico abitato di Celleno e da Saveli Kisliuk e da Roberto Montagnetti che hanno presentato una prima ipotesi di ricostruzione storico-topografica dell’insediamento medievale prima dei crolli e dell’abbandono.

In quest’ambito le società Hubstract e Diretta Web hanno proposto delle soluzioni di allestimento integrato e interattivo dei reperti presentando l’eccezionale vaso proveniente dal castello di Graffignano e appartenente al corredo di Francesca Baglioni.

Gli studi – avviati nel 2015 in accordo tra l’Amministrazione comunale di Celleno, la Soprintendenza Archeologia e l’Università degli Studi della Tuscia – proseguono a ritmo serrato. L’obiettivo è quello di musealizzare i reperti non prima di aver approfondito gli studi sul campo, restaurato il materiale e progettato lo spazio espositivo. Da qui anche l’appello del sindaco Marco Bianchi alla ricerca delle giuste risorse finanziarie da affiancare alle professionalità da tempo impegnate.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email