Civita Castellana

I Consiglieri Comunali di Civita Castellana Carlo Angeletti – Movimento Nazionale per la Sovranità, Maurizio Selli – Movimento Cinque Stelle, hanno scritto al Segretario Generale e Responsabile Della Prevenzione della Corruzione del Comune di Civita Castellana e per conoscenza al Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione-A.N.A.C. circa la reiterazione della richiesta di integrazione del verbale della 3^ Commissione Ambiente.

Pregiatissima Dr.ssa Fanelli,
con la presente istanza Le comunichiamo che le giustificazioni addotte nella Sua Comunicazione del 14/01/2019 , riguardo alla nostra richiesta di integrazione del verbale della 3^ Commissione Ambiente , non le riteniamo valide e sufficienti.
Perché giustificarsi con la scusante che … ”sentito il segretario verbalizzante della III Commissione in oggetto e la Presidente della Commissione, entrambe non ricordano che in quella sede sia stata effettuata tale richiesta”, ci sembra poco rispettoso della nostra posizione di consiglieri e del fatto che la nostra parola sia ritenuta non credibile al confronto delle affermazioni di funzionari e del Presidente della Commissione.
Per tali motivazioni, dovrebbe spiegarci innanzi tutto, come il Consigliere Comunale richiedente Angeletti sia entrato in possesso dei pareri dei Responsabili d’Area che avrebbero dovuto correlare il provvedimento n 42, se non ne avesse fatto richiesta nell’apposita Commissione Consigliare Ambiente del 30 novembre del 2018.
Come dovrebbe spiegarci, per quali motivi il provvedimento n 42 avente per oggetto, “Servizio Igiene Urbana SATE”, esaminato in Commissione Ambiente si sia trasformato inspiegabilmente dopo l’adozione della delibera di Consiglio Comunale n 36 del 7 dicembre u.s. in uno stravagante Provvedimento n 50.
Cogliamo anche l’occasione per conoscere, per quali motivi i pareri dei Responsabili D’area tecnici e contabili (in allegato alla presente), che avrebbero dovuto essere parte integrante del provvedimento n 42 esaminato in Commissione Ambiente il 30 novembre u.s., portano invece le date del 6 e 7 dicembre del 2018.
Per quanto sopra, esposto, La invitiamo a rivedere la posizione assunta dall’Amministrazione Comunale, su questa ennesima eccentricità delle verbalizzazioni, che per la superficialità di come è stata affrontata la vicenda, sta cadendo sempre più nel paradosso.
Certi di un sollecito riscontro, cogliamo l’occasione per inviare distinti saluti.