In merito alla candidatura a sindaco per Civita Castellana – si legge in una nota firmata Lega Civita Castellana – ci preme ribadire che la nostra è stata Candidatura è presentata dopo quella di Fratelli d’Italia e Forza Italia.

Per quanto riguarda il dialogo con le due forze politiche, noi siamo stati ben disposti a differenza loro. Il referente della lega Civita Castellana Andrea Sebastiani dichiara: ho contattato personalmente entrambe le forze politiche di area, “il fine era quello di instaurare un dialogo e seguire una linea comune”, ma le risposte date sia da Parroccini che da Cataldi sono state “nessun passo indietro sulle nostre candidature”.

Quindi nessuna delle forze politiche in questione può dire che non abbiamo aperto un dialogo. Gli unici ad alzare muri sono stati loro, così come sempre loro a vedere nella lega uno strumento da usare e non un alleato.

La nostra conferenza è stata indirizzata nuovamente ad instaurare un dialogo, chiedendo a tutti i candidati di fare un passo indietro. La nostra proposta e’ stata di candidare un civico di area lega competente a livello amministrativo.

Come lega Civita Castellana ci poniamo come obiettivo di risanare la disastrosa situazione in cui versa la città e portare un reale cambiamento con un candidato sindaco stimato e competente. Noi siamo contrari ai politici di vecchio corso che prima giocano a nascondino, all’improvviso si autocandidano o propongono minestre riscaldate e scaricano i loro candidati. Questo non è un modo che appartiene alla nostra cultura politica.

Visti i nostri numerosi tentativi di instaurare un dialogo, a questo punto non avendo altre alternative, la lega proseguirà per la propria strada. Se qualcuno vuole contattarci sa dove trovarci, e saremo ben disposti a dialogare con persone che vogliono metterci la faccia e collaborare ad un progetto comune per il bene della nostra cittadina.