«Un mese fa la maggioranza di destra ha bocciato la nostra proposta di bloccare, almeno per il periodo estivo, i distacchi della Talete e di esigere dalla stessa il rispetto delle norme riguardo alle procedure da attuare in merito prestando una maggiore attenzione per le fasce deboli.

Oltre al voto contrario dei consiglieri, – denuncia il Circolo Enrico Minio, Rifondazione comunista Civita Castellana  – gli assessori stizziti ci avevano anche risposto che era già stato fatto tutto il possibile e che la Talete aveva assicurato che i distacchi per le utenze morose di pochi euro erano stati sospesi.

Ad oggi invece veniamo a sapere che sono molti i cittadini in difficoltà a cui la Talete continua impunemente a staccare l’acqua con un comportamento infame oltre che illegale.

Chiediamo pertanto per l’ennesima volta a questa amministrazione di darsi una svegliata, di smetterla di crogiolarsi nella propria propaganda e negli slogan e di iniziare a difendere ed aiutare i cittadini invece che salvaguardare solamente gli interessi dei propri partiti di riferimento.

Da parte nostra continueremo a batterci contro questa mala gestione perché l’acqua è un bene fondamentale che non può e non deve sottostare alle regole di mercato ma deve essere garantita a tutti».

Commenta con il tuo account Facebook