VITERBO – La Squadra Mobile della questura di Viterbo sta svolgendo serrate indagini per definire la scena del duplice omicidio nella quale si cerca di recuperare la maggior parte di elementi utili alle indagini.

La scoperta del duplice delitto è avvenuta in serata quando un parente ha cercato di contattare la coppia (lui, un ex dipendente comunale di 83 anni, e la consorte), ma inutilmente.

E’ stato dato l’allarme e subito è intervenuta sul posto una “volante” della Questura. Gli agenti hanno suonato ripetutamente alla porta dell’abitazione, un condominio in Via Santa Lucia, ma non ricevendo risposta hanno fatto intervenire i vigili del fuoco che entrati hanno scoperto due cadaveri avvolti in un sudario di cellofan ormai privi di vita.

Immediatamente sono scattate le ricerche di un figlio della coppia. Del fatto è stata informata la magistratura. Dovranno essere accertate le cause della morte, capire se i poveretti sono stati uccisi in precedenza e poi avvolti o se siano deceduti perché la plastica con cui erano avvolti li ha soffocati.

La palazzina
Le volanti della Polizia davanti all’ingresso
Le volanti della Polizia davanti all’ingresso
Commenta con il tuo account Facebook