TARQUINIA – “In campagna elettorale, siamo abituati a sentire promesse sul futuro ed elogi sul passato, ad oggi dopo tante battaglie su tutti i fronti, un grande risultato è stato portato a casa, il Comandante ing. Giuseppe Paduano, nel 2017 ha visto decretato ufficialmente (almeno sulla carta) la sede di Tarquinia.

È passato circa un anno e ad oggi, oltre che aver individuato la sede e aver visto scritto che arriveranno 14 unità, se succede una cosa grave, per vedere un camion rosso, bisogna aspettare circa un ora.

Questo si rivela un boomerang perché con questi numeri non si apre nulla.

La Regione Lazio negli anni passati ci autorizzava una squadra (solo di giorno)su tutti i dodici mesi dell’anno, non era molto ma già era qualcosa, già dallo scorso anno con la scusa del distaccamento decretato (sulla carta), abbiamo visto i pompieri sul litorale solo da luglio a settembre.

Sono troppi anni che il Conapo dice che con la sicurezza dei cittadini non si gioca, in questo clima di campagna elettorale, chiediamo maggiori certezze. Nessun comando può sostenere una nuova sede con sole 14 unità, il numero minimo per un distaccamento sono 20 unità, divise di quattro turni sono una partenza precisa, con questi numeri, dichiara Danilo Martoni segretario provinciale, con un po’di sacrificio da parte della sede centrale si potrebbe pensare di avviare realmente il distaccamento.

Il nostro sindacato, ci mette ancora la faccia, Gianluca Cannone della segreteria regionale, ha chiesto un incontro con il prefetto, per studiare una strategia che faccia partire immediatamente la sede distaccata.

Servono vigili del fuoco e non squadre di volontari, proprio il comune di Tarquinia conta il maggior numero di squadre sul territorio, alcune gestite dalla Regione altre dal comune e forse c’è ne sono anche altre gestite da chi sa chi….si vedono proliferare squadre di protezione civile sempre meno gestite, gente che ti esce da tutti i lati senza che nessuno di noi li abbia mai chiamati, la protezione civile se ben gestita può essere una buona risorsa, così no così è solo una spesa inutile, falsa occupazione, come già detto decine di volte anche da altri sindacati, noi abbiamo mezzi obsoleti che non riusciamo neppure a riparare mente ci troviamo al nostro fianco centinaia di squadre di protezione civile con mezzi scintillanti che spesso non vengono neppure sfruttati a dovere. Il Conapo chiede maggior rigore anche su questo argomento”.


Segreteria Regionale CONAPO Gianluca Cannone

Segreteria Provinciale CONAPO Danilo Martoni

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email