TARQUINIA – E’ accaduto sull’Aurelia il pomeriggio di sabato 5 novembre, quando i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Tuscania e quelli della Stazione di Tarquinia, nell’ambito di servizi predisposti per il controllo del territorio fermavano un 36enne del luogo che alla guida di un’ utilitaria era diretto a Roma.

L’automobilista da subito si mostrava nervoso al controllo, spingendo i Carabinieri ad approfondire l’accertamento sulla persona e sul mezzo.

Mentre l’ispezione procedeva l’uomo si scagliava contro i militari e nella colluttazione, ormai a terra, pur bloccato dai Carabinieri riusciva a lacerare un involucro di cellophane disperdendone il contenuto sull’asfalto. Riusciti a neutralizzarlo i militari recuperavano l’involucro con i rimanenti 5 gr. di polvere bianca che risultava essere stupefacente del tipo COCAINA.

Solo dopo il rinvenimento dello stupefacente si poteva capire il motivo dell’aggressione posta in essere per “proteggere” l’illecito trasporto.

L’uomo, a questo punto, veniva arrestato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale, nonché per traffico e detenzione illecita di sostanza stupefacente, venendo associato al carcere di Civitavecchia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.