Questa mattina, tramite gli organi di stampa, abbiamo appreso la notizia dell’arresto di due esponenti locali di Casapound, di cui uno che ricopre attualmente la carica di consigliere comunale di Vallerano, con l’accusa gravissima di violenza perpetrata nei confronti di una donna di 36 anni.

L’Amministrazione comunale – prosegue il Sindaco Adelio Gregori – esprime la sua più totale vicinanza nei confronti della vittima di violenza e ripone la più assoluta fiducia nel lavoro delle forze dell’ordine e degli inquirenti. Attendiamo che i fatti sin qui delineati siano confermati, al fine di intraprendere tutte le azioni necessarie volte a tutelare l’immagine dell’Amministrazione stessa, e di tutta la comunità che rappresenta, secondo quanto previsto dalla normativa vigente.

Dalle prime ore della giornata, Vallerano si è svegliata incredula leggendo notizie che mai avremmo pensato possibili all’interno della nostra comunità. Il paese che ho l’onore di rappresentare nella sua stragrande maggioranza, quasi nella sua totalità, si è sempre distinto per i valori della non violenza, della tolleranza e del confronto democratico.

In particolare, sul tema della lotta a ogni forma di violenza contro le donne, il Comune è fortemente impegnato con iniziative finalizzate alla prevenzione e con la partecipazione convinta ai protocolli interistituzionali attivi nella nostra provincia. Tutto ciò rende ancora più inaccettabile quanto sta accadendo in queste ore.

Con ancora più forza, quindi, e indipendentemente dai risvolti giudiziari di questa triste e inaccettabile vicenda, Vallerano, la sua Amministrazione e tutta la comunità alzano una voce chiara e forte di sdegno e di condanna nei confronti di chi si sia reso colpevole di un reato cosi spregevole, come lo stupro nei confronti di una donna. Un messaggio che non conosce e non può conoscere divisioni e che deve compattare il nostro paese nella difesa di valori chiaramente per noi imprescindibili.

Commenta con il tuo account Facebook