VITERBO – La prima campagna di sicurezza stradale “Bimbi in auto” è stata avviata in collaborazione con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Ministero della Salute, la Polizia di Stato e le società ed associazioni scientifiche pediatriche (SIP, SIMEUP, SIPPS, ACP).

L’iniziativa è diretta a sensibilizzare il mondo degli adulti sulla necessità di assicurare sempre e correttamente i bambini ad idonei sistemi di ritenuta durante gli spostamenti in auto, anche se di breve durata, avendo particolare riguardo alla omologazione ed alla tipologia degli stessi, in linea con quanto stabilito dal Piano Nazionale della Sicurezza Stradale 2020 che adotta quale obiettivo di lungo termine “Sulla strada: nessun bambino deve morire”.

Sono purtroppo ancora numerosi i bambini che rimangono feriti o perdono la vita in incidenti stradali ed ancora troppi sono i piccoli trasportati a bordo di veicoli non assicurati agli appositi sistemi di ritenuta: “Secondo il dato ISTAT,- afferma la Polizia Stradale di Viterbo – nel 2017 in Italia sono stati 25 i bambini di fascia di età tra 0 e 14 anni che hanno perso la vita mentre erano trasportati in auto (7 in meno del 2016 quando si sono registrate 32 vittime) e oltre 8.396 i piccoli feriti. Ragionevolmente immaginiamo che, nella maggior parte dei casi, i bambini che hanno perso la vita non erano assicurati con gli appositi sistemi di ritenuta dagli adulti…”

Gli uomini della Sezione di Polizia Stradale Viterbo e dei Distaccamenti di Monterosi e Tarquinia porranno in essere nel mese di agosto, oltre alla quotidiana attività di prevenzione e controllo, mirate operazioni “ad alto impatto” finalizzate ad incrementare le attività di verifica e di sensibilizzazione sull’importantissimo tema della sicurezza dei bimbi in auto.