Nei giorni scorsi i Carabinieri del Nucleo Investigativo e della Compagnia CC di Viterbo, nell’ambito di un’attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Viterbo  Roma e da quella presso il Tribunale per i Minorenni di Roma, hanno dato esecuzione ad un provvedimento restrittivo nei confronti di alcuni soggetti ritenuti responsabili di una sere di furti ed una rapina in abitazioni, consumati durante la scorsa estate in diversi centri della Provincia.

Le indagini, in particolare, venivano avviate a seguito della una rapina, consumata a Viterbo il 18 agosto 2019 all’interno di una villa di strada Querciaiola. In quella circostanza, la giovane donna proprietaria dell’abitazione, rincasando, sorprendeva due individui che stavano saccheggiando l’immobile. Per assicurarsi la fuga i malfattori non esitavano a minacciare con un cacciavite la vittima allontanandosi a bordo di un’autovettura alla guida della quale vi era un terzo complice che faceva da palo.

Le successive indagini hanno permesso di stabilire che diversi delitti contro il patrimonio commessi nel periodo estivo rientrano in un medesimo disegno criminoso, posto in essere da un gruppo di soggetti particolarmente esperti in tale tipo di delittuosità, prevalentemente di origine cilena, stanziale in quartieri popolari di Ostia.