Nella giornata di lunedì 07 novembre, i militari del N.O.R. della Compagnia Carabinieri di Civita castellana, unitamente a personale della Stazione cc di Carbognano, hanno tratto in arresto in flagranza due uomini di 37 e 39 anni di Napoli, resesi responsabili in concorso tra loro del reato di indebito utilizzo e falsificazione di strumenti di pagamento diversi dai contanti (ex art. 493 ter cp).

I due uomini erano stati notati da personale dell’Arma di Carbognano (Compagnia di Ronciglione), in quel momento su Civita Castellana per ragioni di servizio, mentre nei pressi di un istituto di credito con atteggiamento sospetto. Richiesto l’intervento dei colleghi, la Centrale Operativa ha prontamente inviato sul posto un equipaggio del Radiomobile per dare loro manforte negli accertamenti da svolgere e nel corso di perquisizione personale e veicolare che ne è subito scaturita sono state rinvenute nella disponibilità dei due soggetti ben otto carte di debito, tutte attive, intestate a persone sconosciute (verosimilmente nominativi fittizi), nonché la somma in contanti di euro 520 con ogni probabilità appena prelevata, indebitamente, nella stessa mattinata presso istituti di credito del territorio grazie alle carte posto sotto sequestro mediante predette carte.

Entrambi gli arrestati sono stati posti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che ha convalidato questa mattina l’arresto. Ulteriori indagini ed accertamenti sono in corso per mettere in piena luce il giro d’affari scoperto grazie all’ottima intuizione dei militari.

Articolo precedenteDue nuovi funzionari della Polizia di Stato in servizio alla Questura di Viterbo
Articolo successivoBassano in Teverina, domenica le elezioni per il Consiglio comunale dei giovani