VITERBO Il corpo provinciale dei Vigili del Fuoco, finalmente ha ufficialmente preso possesso della nuova caserma, costruita per loro a Nord di Viterbo, nelle immediate vicinanze dello svincolo tra la superstrada Viterbo Orte e la regionale Cassia.

La cerimonia è stata semplice, ma piena di significati tenendo conto del lungo periodo che è passato per essere giunti a questo traguardo; circa diciotto anni, causa i finanziamenti che sono stati, sempre, resi disponibili in modo centellinato. l’Avvenimento di oggi, come ha sottolineato la stessa S. Pogniant, è un secondo passaggio che porta la struttura verso la conclusione finale quando i lavori della caserma saranno interamente ultimati e ci sarà l’inaugurazione vera e propria con la solennità che essa comporta.

Hanno presenziato la cerimonia, oltre il rappresentante della Direzione Regionale Claudio De Angelis, la rappresentante della Direzione Nazionale Vigili del Fuoco Simona Pogniant, il Comandante provinciale del corpo, Ing. Giuseppe Paduano, le alte cariche istituzionali locali nelle persone del sign. Prefetto Giovanni Bruno, del senatore On. Umberto Fusco, della consigliera regionale Cinque Stelle Silvia Blasi, del sig. Questore Dott. Lorenzo Suraci, del neo sindaco di Viterbo, Giovanni Arena, del tenente colonnello Luigi Capezzuto del C.E.L.O.M.A. di Orte, del presidente della Croce Rossa Marco Slocchia accompagnato dalla crocerossina Gloria Cardarelli, da altre autorità dei comuni limitrofi come la Consigliera del comune di Viterbo Chiara Frontini, la vice sindaco di Tarquinia Martina Tosoni, il sindaco di Montefiascone M. Paolini, I graduati in rappresentanza dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Scuola Marescialli dell’Esercito ed Aeronautica, dell’Aviazione dell’Esercito, il Comandante della Polizia Penitenziaria e la rappresentanza dell’AS.VO.M., molti giornalisti, e, ovviamente, tutto il personale che costituisce il Corpo Provinciale Vigili del Fuoco Provinciale.

La cerimonia sull’esterno della caserma, alla presenza di tutti, ha avuto regolarmente inizio intorno alle dieci e trenta come previsto dal cerimoniale con il sempre suggestivo e commovente alza bandiera mentre risuonavano, per ogni dove, le note dell’Inno di Mameli; a seguire vi è stata la messa a dimora di un albero di tiglio segno di pace e prosperità, come ha tenuto a sottolineare il comandante G. Paduano, nel suo discorso di saluto, tenuto subito dopo, all’interno, in un apposita sala, al quale ha fatto seguito quello del neo sindaco di Viterbo G. Arena. Tornati in sala operativa, prima vi è stata la benedizione impartita dal vicario vescovile mons. Luigi Fabbri; a seguire, la presentazione tecnologica della sala stessa, sicuramente una delle più tecnologicamente avanzata..

Da sottolineare come il comandante G. Paduano, nel suo intervento di alto spessore umano, ha, prima ringraziato tutti i presenti, poi, con un pizzico di commozione che gli traspariva sul volto, ha espresso un particolare ringraziamento a tutto il personale amministrativo e, soprattutto, a tutti i Vigili che costituiscono il comando provinciale di Viterbo, per il loro totale ed incondizionato impegno profuso nel trasferimento della sede e nel loro lavoro quotidiano che svolgono con incondizionata dedizione ed alta professionalità. A conclusione un piacevole e ricco rinfresco per tutti.

Pietro Brigliozzi

 

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email