Nel pomeriggio di ieri personale della Polizia di Stato della Squadra Mobile della Questura di Viterbo, nel corso di specifici servizi sul territorio predisposti per contrastare il fenomeno dei reati predatori, ha tratto in arresto tre cittadini italiani di 32, 34 e 40 anni, il primo residente a Roma e gli altri nel territorio viterbese, colti in flagranza del reato di furto aggravato.

Il tre soggetti, tutti gravati da precedenti specifici, dopo aver forzato la serratura di alcune autovetture parcheggiate in una zona periferica della città ed aver asportato alcune borse all’interno delle stesse, contenenti effetti personali e devices informatici, si sono allontanati in modo repentino a bordo dell’autovettura di uno di essi, per poi essere bloccati dai poliziotti e condotti in Questura per gli adempimenti di rito.

La refurtiva, interamente recuperata, è stata restituita ai legittimi proprietari.

I tre soggetti sono stati messi a disposizione dell’A.G. per l’udienza di convalida celebrata nella mattinata odierna, all’esito della quale il più giovane è stato gravato dalla misura dell’obbligo della firma, mentre per gli altri due sono stati disposti gli arresti domiciliari.

Commenta con il tuo account Facebook