Si è concluso nelle prime ore del pomeriggio di ieri il rave party non autorizzato che si è svolto tra venerdì e lunedì scorsi, a Montalto di Castro, in un’area adiacente l’ex centrale elettrica A. Volta.


Il Questore di Viterbo ha immediatamente pianificato, con apposita ordinanza, uno specifico dispositivo di vigilanza da attuare nei pressi della zona interessata, tenendo anche conto delle peculiarità della stessa.

Sin dalla nottata tra venerdì 28 e sabato 29 settembre sono stati innalzati i livelli di sicurezza nel sito in questione, d’intesa, per gli aspetti di competenza, con il security management dell’ENEL, con particolare riguardo agli adiacenti impianti fotovoltaici.

Sono stati poi predisposti specifici servizi a tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, coordinati dal Dirigente del Commissariato di Tarquinia e attuati h 24, senza soluzione di continuità, con l’impiego di unità in abiti civili, di equipaggi della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri.

Il dispositivo di sicurezza ha consentito alla Polizia di Stato ed all’Arma dei Carabinieri di identificare circa 900 persone partecipanti all’evento, che saranno denunciati per le fattispecie previste dal codice penale e per le violazioni amministrative in materia di pubblici spettacoli.

Il servizio di ordine pubblico è stato inoltre documentato con i mezzi audiovisivi, attività che consentirà agli investigatori di approfondire le indagini sui responsabili del rave.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email