GROTTE DI CASTRO – Ieri mattina i Carabinieri della Stazione di Grotte di Castro, durante un servizio di perlustrazione del territorio, hanno individuato due persone che, con indosso delle pettorine, fermavano le autovetture in transito lungo le strade del caratteristico borgo e proponevano ai conducenti l’acquisto di kit multiuso.

I militari, insospettiti dal modus operandi, identificavano i soggetti in questione e, in collaborazione con la Stazione Carabinieri di San Lorenzo Nuovo, appuravano che il materiale in vendita riportava falsi segni distintivi, idonei ad indurre in inganno i malcapitati compratori.

I truffatori sono stati così denunciati all’Autorità Giudiziaria ai sensi dell’art. 517 del codice penale (vendita di prodotti industriali con segni mendaci) e veniva loro sequestrato un ingente quantitativo dei citati kit.

L’operato dell’Arma nel caso in questione è da considerarsi a tutela di un marchio, dalla falsità dello stesso, rifacendosi alla mera, artificiosa equivocità dei contrassegni, ma anche e soprattutto a salvaguardare i consumatori comuni che in buona fede rimangono vittime della frode.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email