VITERBO – Sono stati diversi i servizi straordinari predisposti in settimana in provincia dal Questore di Viterbo. Posti di controllo della Questura a Viterbo e nelle zone limitrofe. L’attività si è svolta nell’ambito di un ampio dispositivo di sicurezza pianificato in Questura con, al centro dell’attenzione, la prevenzione di ogni tipo di reato.

Servizi a largo raggio attuati con numerose pattuglie della Questura, della Polizia Stradale, della Polizia Postale della Polizia Ferroviaria, con il concorso degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Lazio.

Sono stati organizzati posti di controllo nei principali snodi viari afferenti alla città nonché in ambito cittadino: l’attività ha consentito complessivamente di esaminare la posizione di 178 persone , molte delle quali extracomunitarie e di 111 autoveicoli e di elevare numerose sanzioni per infrazioni al codice della strada.

Nell’occasione, gli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine “Lazio” e della Sezione Polizia Stradale di Viterbo hanno utilizzato gli avanzati sistemi “Mercurio” e “Scout-Nav”, ritrovati tecnologici per l’immediata verifica dei dati relativi ai mezzi ed agli intestatari.

Gli uomini della DIGOS hanno controllato alcuni centri di aggregazione di cittadini stranieri e la Polizia Postale ha proceduto ai controlli delle transazioni money-gram in alcuni uffici postali. Sempre nello stesso servizio il personale della Squadra Mobile ha verificato le prescrizioni imposte ai soggetti agli arresti domiciliari.

Sempre nell’ambito della prevenzione, rientrano i controlli attuati, ieri, sulla Cassia, dagli uomini della Polizia Stradale e della Questura, con l’ausilio delle unità cinofile antidroga. Anche in questo caso numerose le autovetture e le persone controllate attraverso tutte le banche date disponibili.

Proseguirà senza sosta l’attività della Polizia di Stato programmata in modo sempre più incisivo e diffuso, che sarà finalizzata a garantire, nell’arco delle 24 ore, un continuo e approfondito controllo del territorio nonché a prevenire ogni fenomeno che desta allarme sociale .

Commenta con il tuo account Facebook