Nella serata di ieri personale della Polizia di Stato della Squadra Mobile della Questura di Viterbo ha tratto in arresto un pregiudicato 33enne di nazionalità albanese, che era evaso dalla misura di custodia cautelare agli arresti domiciliari disposta dall’Autorità giudiziaria a seguito di condanna per reati contro il patrimonio. Lo straniero aveva trovato rifugio presso una struttura ricettiva del capoluogo.

La tempestiva comunicazione effettuata dal gestore del bed & breakfast ha consentito ai poliziotti di predisporre immediatamente mirati servizi di appostamento nella zona che hanno portato al rintraccio e all’arresto dell’uomo. Il cittadino albanese è stato poi associato alla Casa Circondariale “Mammagialla” di Viterbo per scontare la pena.

Con l’occasione torna utile rammentare che la normativa vigente prevede l’obbligo in capo ai gestori delle strutture ricettive della provincia di Viterbo di comunicare con immediatezza alla questura di Viterbo, mediante l’utilizzo dell’apposita piattaforma informatica “Alloggiati Web”, le generalità delle persone ospitate.