PROVINCIA – “Sono ormai più di 40 giorni, dall’ultima alluvione avvenuta prima di Pasqua, che la via consolare che ci congiunge con la Capitale, ogni giorno percorsa da migliaia di auto, versa in condizioni a dir poco disastrose. In particolare nel tratto tra Sutri e Monterosi, negli ultimi 2 km precedenti l’inizio della Cassia Veientana.

 

La strada si presenta piena di buche , con crepe e crateri intorno al mezzo metro di diametro e anche piuttosto profonde, la cui dimensione aumenta costantemente, sollecitata dal gran traffico e dal transito di mezzi pesanti. Le buche sono pericolosissime, su entrambi i lati della carreggiata, gli automobilisti che conoscono ormai bene la loro posizione fanno la gincana per schivarle, ma mi chiedo cosa possa accadere se una moto o un motorino ci dovesse arrivare sopra in velocità.

 

La provincia di Viterbo, responsabile del tratto stradale,non solo non si è occupata di stendere un nuovo manto, non si è degnata di mandare gli addetti con i sacchi di catrame, né di mettere un cartello a segnalare la strada dissestata. Pubblico questo articolo per far appello a tutti i cittadini della provincia di Viterbo che ogni giorno, come me, per motivi di lavoro, si trovano a percorrere la Cassia, perché inondino di telefonate il centralino della Provincia per lamentarsi di questa situazione e perché nel caso di danni alle automobili o incidenti stradali possano far pervenire agli uffici provinciali il conto dei danni. Per reclami presso la Provincia: UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO – Tel. 0761 313236 – 313705 / 0761 313711″.

 

Giada Quatela

Commenta con il tuo account Facebook