VITERBO – Mons. Francesco Zarletti ieri, Solennità di Pentecoste, ha concluso la sua esistenza terrena presso l’Ospedale di Belcolle dove era ricoverato da alcuni giorni. Comunica la notizia della sua morte, unitamente ai suoi familiari, la Diocesi di Viterbo, con il Vescovo e il suo Presbiterio.

 

Decano dei sacerdoti della Diocesi, Mons. Francesco era nato a Viterbo il 5 novembre 1919. Compiuti gli studi liceali e teologici al Seminario Regionale della Quercia, era stato ordinato sacerdote il 10 aprile 1943.

 

Molteplice è stato il suo servizio nella Chiesa locale. Tra i vari incarichi ricordiamo quello di Arcidiacono del Capitolo della Cattedrale, di Assistente dei Ritiri di Perseveranza, di Vicario del Clero, di Vicario Giudiziale, di Responsabile dell’Associazione Madonna del Carmelo e di fondatore del Gruppo degli Araldi di Maria, che fanno riferimento alla Chiesa del Gonfalone, riaperta dopo tanto tempo proprio per interessamento di Mons. Zarletti.

 

Ma, forse, ciò che ha caratterizzato di più Mons. Francesco è stato l’insegnamento, che ha accompagnato la sua vita per lunghi anni al Liceo Classico “M. Buratti” e al Seminario Regionale della Quercia. Docente di Lettere e di Religione è stato educatore di intere generazioni di giovani e di sacerdoti, che hanno potuto cogliere in lui il professore di alta cultura, l’uomo di intensa umanità, il sacerdote di profonda fede. Amava ripetere spesso: “Ho voluto bene ai miei alunni!”.

 

Mons. Zarletti verrà ricordato anche per la sua ampia produzione poetica, il cui valore è stato riconosciuto anche a livello nazionale. In essa traspare il suo cuore e la sensibilità grande del suo animo. Con Mons. Francesco la Chiesa locale e la Città di Viterbo perde una delle sue figure più caratteristiche. La comunità dei credenti innalza a Dio per lui preghiere di cristiano suffragio e lo affida alla materna protezione della Vergine Maria di cui sempre Mons. Zarletti è stato un innamorato devoto cantore. La celebrazione delle esequie, presieduta dal Vescovo Lino, si terrà nella Chiesa Cattedrale martedì 26 maggio alle ore 10.00. Al termine la salma verrà tumulata nel cimitero di Viterbo.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email