MONTEFIASCONE – Nel salone Innocenzo III della Rocca dei Papi, in Montefiascone, alla presenza di un folto pubblico, costituito, per la maggior parte, da ingegneri ed architetti, l’Arch. Aldo Cigolani, professore del Politecnico di Milano, settore design, ha illustrato le tre opzioni che ha realizzato per costruire sul lago di Bolsena, tratto di competenza del comune di Montefiascone, un porto galleggiante.

Come è noto a tutti la Regione Lazio, nel piano generale urbanistico di Montefiascone, non ha previsto, sul tratto di lago di sua competenza, la realizzazione di un porto fisso, in quanto non è una cittadina a diretto contatto con il lago, ma ha lasciato la possibilità di realizzarlo uno galleggiante. In questo contesto l’Assessore ai lavori pubblici, M. Ceccarelli, si è adoperato per avviare questo discorso e, a tal fine, ha portato in Montefiascone, qualche tempo fa, ingegneri ed architetti di fama internazionale per studiare la fattibilità di quest’opera. Oggi, dopo poco tempo, l’architetto Cigolani ha illustrato il prodotto degli studi fatti.

L’illustre tecnico, la cui fama internazionale è indiscutibile, ha presentato diverse ipotesi consistenti in moduli galleggianti, removibili e collegati, con apposita passerella, alla terra ferma; moduli, con i quali, si possono di realizzare diverse tipologie: villaggio galleggiante, quartiere galleggiante, piccole casette galleggianti complete di tutto, sevizi igienici compresi. Strutture altamente non inquinanti in quanto privi di motorizzazione e removibili sono a traino. Strutture che si possono adibire a varie destinazioni da residens, a mostre, a convegni, a soggiorno di privati. Strutture autosufficienti in tutto e per tutto, compresa la fornitura di energia elettrica che verrebbe generata sul posto sfruttando il soffiar dei venti nelle varie direzioni, oltre che lo stesso movimento delle onde, oltre che, ovviamente, il sole. In questo contesto, è stata posta una particolare attenzione al rispetto della natura, della salubrità delle acque del lago, alla tutela della pesca e della fauna ittica e della flora specifica del lago; detti complessi galleggianti, infatti, non avranno alcun tipo di scarico in acqua in quanto, anche tutti i rifiuti verranno, con i più moderni sistemi, smaltiti e depurati a bordo della piattaforma galleggiante.

Strutture appetibili per suggestività ed unicità con il fine primario di valorizzare il lago con un turismo di alto prestigio a livello nazionale ed internazionale che, di ripiego, porta sicuramente ricchezza e nuovi posti di lavoro nel nostro paese.

E farci una Fiera del vino??!! A quando??!! Chimera??!! Speriamo proprio di no; ovviamente accanto ad una struttura del genere si realizzeranno idonei parcheggi, si amplieranno le strade e, in questo senso, l’attuale valorizzazione del lago che sta effettuando il delegato A.Merlo, con la piena condivisione del sindaco M. Paolini, si può considerare un primissimo piccolo passo di accessoria infrastruttura.

Architetto Cigolani; investimenti e durata della struttura si compensano?
“Certamente si; il tutto però è, e deve essere, in sinergia; L’Amministrazione comunale con i privanti, su quanto ed in base a quanto investono, determinano il tempo di esercizio della struttura, tenendo presente che, comunque, su ogni investimento, si deve ricavare almeno un guadagno tra il quattro ed l’otto per cento”.

Il rapporto, l’integrazione tra economia locale e struttura, quale ritorno economico può dare?
“Su questo non ci piove. Il turismo di prestigio. di élite, come quello che potrebbe essere conseguente ad una struttura del genere, è di forte incremento per l’economia locale, anzi ne diventa un marcia in più. Turismo di élite significa anche valorizzazione dei prodotti locali, dal vino alla cucina tipica; senza dimenticare la rivalutazione delle tradizioni e costumanze locali in ogni settore. Si creerà poi un indotto che far aumentare anche l’artigianato come i souvenir. Basta guardare come il turismo di élite ha fatto esplodere il commercio del tartufo, tanto per fare un esempio”.

Brigliozzi Pietro

Commenta con il tuo account Facebook