Le ricerche nel lago di Bolsena, tratto insistente sul territorio di Montefiascone, ove circa un mese fa, in circostanze del tutto non chiare, era scomparso il giovane Andrea Durantini, sono state sospese qualche giorno fa senza risultato alcuno.

Dopo il negativo evento che ha creato alta costernazione in tutti i cittadini di Montefiascone, mentre tutte le forze messe in campo dalla Prefettura, e delle quali se ne è già data ampia notizia, si davano da fare senza alcun risparmio di uomini e mezzi, le ricerche sono andate avanti per circa venti giorni, poi, qualche giorno fa, dopo aver fatto tutto il possibile ed anche di più, è avvenuta la sospensione delle medesime, senza che il giovane fosse stato ritrovato.

Qualche speranza, almeno di ritrovare le umane spoglie, viene affidata alla bontà dello stesso lago, come è avvenuto in altri nefasti eventi simili a questo, allorchè dopo circa quaranta giorni, il cadavere venne in superficie. Il tutto in considerazione che il giovane, dovrebbe giacere sui fondali del lago.

Questa tesi è suffragata dal fatto che tutto l’ambiente a terra, sul territorio di Montefiascone, è stato setacciato, per ben due volte, anche con l’aiuto di cani specificatamente addestrati per tali ricerche.

 

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email