I Carabinieri della stazione di Monterosi, hanno risolto a seguito di un’indagine speditiva un sequestro di persona in atto; due cittadini italiani, avevano infatti sequestrato un giovane ragazzo, minorenne residente a Monterosi, di origini rumene. Il sequestro a seguito delle indagini si è capito essere dovuto ad un debito di 1.000 euro contratto dal fratello della vittima per una partita di droga non  pagata, e che i due sequestratori hanno chiesto al padre della stessa vittima come riscatto.

L’ intervento immediato dei militari , consentiva di ricostruire in modo speditivo l’ accaduto e di intervenire per liberare la vittima ed evitare conseguenze ulteriori.

Al termine delle attività di polizia la vittima veniva liberata e veniva quindi evitato il pagamento del riscatto; il sequestratore materiale veniva dichiarato in arresto e tradotto preso il proprio domicilio in regime di restrizione domiciliare, il complice veniva denunciato in concorso in stato di libertà.