CIVITA CASTELLANA – I carabinieri del nucleo radiomobile della Compagnia di Civita Castellana hanno eseguito ieri la misura cautelare degli arresti domiciliari disposta dal Tribunale di Viterbo nei confronti di un egiziano di 46 anni residente a Civita Castellana, sposato con una coetanea di origini romane.

 

La coppia già da tempo stava attraversando una crisi perdurante tant’è che la donna a metà dello scorso anno aveva deciso di lasciare il tetto coniugale e chiedere la separazione. L’uomo, però, non ha voluto rassegnarsi alla volontà della moglie e così ha iniziato a porre in essere nei suoi confronti reiterate condotte di minacce, ingiurie e percosse, culminate in una circostanza addirittura in un ricovero ospedaliero per lesioni guaribili in 30 giorni.

 

Verso la fine dell’anno passato la donna si è decisa a sporgere denuncia ai carabinieri che hanno documentato una lunga serie di maltrattamenti e molestie che hanno determinato nella vittima un grave stato d’ansia, di soggezione e di vessazione. Da qui la decisione del giudice di disporre per l’uomo gli arresti domiciliari.

Commenta con il tuo account Facebook